Un miliardo in più? «Verremmo derisi»

FINANZE

Il Nazionale respinge la proposta di aumentare di 953 milioni di franchi il contributo di coesione nel tentativo di sbloccare la partecipazione svizzera ai programmi di ricerca dell’UE - Il responsabile delle finanze Ueli Maurer: «Non saremmo più presi sul serio»

Un miliardo in più? «Verremmo derisi»
© KEYSTONE/Peter Schneider

Un miliardo in più? «Verremmo derisi»

© KEYSTONE/Peter Schneider

L’idea di raddoppiare il contributo di coesione per permettere alla Svizzera di prendere parte a pieno titolo ai programmi di ricerca dell’UE ha avuto una decina di giorni di vita. Ieri si è infranta sullo scoglio del Nazionale, per soli nove voti di differenza, 93 contrari, 84 favorevoli e sei astensioni. A promuoverla, suscitando subito forti resistenze, era stata la Commissione della politica estera. Lo scopo era di mandare un segnale di buona volontà a Bruxelles, affinché la Svizzera venisse nuovamente associata ai programmi Horizon ed Erasmus+, ai quali non può prendere parte a pieno titolo, a causa del no dell’accordo quadro. In concreto, se entro la metà dell’anno prossimo l’Unione avesse riammesso la Confederazione, questa avrebbe rimpolpato con 953 milioni di franchi il suo contributo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1