Un passo verso la normalità: ecco le riaperture in Svizzera

Pandemia

Da oggi luce verde a palestre, cinema e terrazze di bar e ristoranti, però a condizioni molto precise

 Un passo verso la normalità: ecco le riaperture in Svizzera
©Shutterstock

Un passo verso la normalità: ecco le riaperture in Svizzera

©Shutterstock

Oggi segna il ritorno in Svizzera di una fetta di normalità, dopo le restrizioni legate al coronavirus: sono di nuovo ammesse le aperture delle palestre, dei cinema, nonché delle terrazze di bar e ristoranti, dappertutto però a condizioni molto precise.

Il Consiglio federale ha deciso questi passi mercoledì scorso: un approccio giustificabile, visti i progressi sul fronte della campagna di vaccinazione e nella promozione dei test, aveva detto il consigliere federale Alain Berset, ammettendo comunque che il paese va incontro a un rischio, alla luce dell’aumento dei casi di infezioni.

Le mosse del governo sono state accolte con favore dalla destra e dall’economia, che almeno in parte le giudica anche troppo timide, mentre sono invece state criticate a sinistra, dove si sperava in tempi più lunghi per tornare alla normalità. Negativa è stata la reazione di Martin Ackermann, capo del gruppo di esperti scientifici (task force) che consiglia l’esecutivo: «stiamo correndo un rischio considerevole con le riaperture», ha detto nel fine settimana.

Concretamente, nelle terrazze dei ristoranti e dei bar - che possono aprire dalle 6 alle 23.00 - bisognerà stare seduti e in massimo quattro persone al tavolo: la mascherina deve essere indossata finché non arrivano le consumazioni e ci sarà l’obbligo di registrare i dati di contatto di tutti i presenti. I tavoli dovranno inoltre avere una distanza di 1,5 metri, oppure dovrà esserci una parete divisoria.

Potranno riaprire i battenti anche cinema, stadi, teatri e locali per concerti: per le manifestazioni con pubblico il numero massimo di visitatori è limitato a 100 persone all’esterno - ad esempio partite di calcio e concerti all’aria aperta - e fino a un massimo di 50 persone all’interno.

Le strutture ricreative e del tempo libero, tra cui zoo e giardini botanici, sono di nuovo completamente accessibili - così come lo sono già da settimane negozi e musei - e via libera anche alle attività sportive e culturali al chiuso: un massimo di 15 persone sono autorizzate per eventi privati, attività sportive e culturali, riunioni dei membri di associazioni, visite guidate nei musei e altri eventi nel settore dell’intrattenimento e del tempo libero. Anche alle feste private sono ammesse al massimo 15 persone, così come gli incontri all’aperto - ad esempio grigliate - nella cerchia familiare o con amici.

L’insegnamento in presenza è nuovamente consentito anche al di fuori della scuola dell’obbligo e del livello secondario II, cioè in particolare nelle scuole universitarie e nei corsi per adulti, precisa il governo. La partecipazione è limitata a 50 persone e a un terzo della capienza dei locali: anche in questo caso vanno rispettati l’obbligo della mascherina e del distanziamento.

Continuano a non poter riaprire le discoteche. Inoltre rimane in vigore l’obbligo del telelavoro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1