«Un vaccino entro Natale è poco verosimile»

L’intervista

Facciamo il punto con l’esperto in vaccinologia Alessandro Diana, docente all’Università di Ginevra

«Un vaccino entro Natale è poco verosimile»
©EPA

«Un vaccino entro Natale è poco verosimile»

©EPA

Le notizie sui vaccini si susseguono a ritmo serrato. Si parla di date, di omologazioni, di soluzioni. Mettiamo quindi po’ di ordine. Lo facciamo assieme ad Alessandro Diana, pediatra alla clinica Grangettes-Hirslanden e docente alla Facoltà di medicina e unità di vaccinologia dell’Università di Ginevra (UNIGE).

A che punto siamo nello sviluppo di un vaccino sicuro ed efficace contro il Sars-CoV-2?

«Attualmente ci sono circa 200 candidati vaccini in fase di sviluppo in tutto il mondo. Quelli arrivati alla famosa fase 3 – la sola a poter fornire chiarimenti circa l’efficacia o meno di un determinato prodotto – sono una trentina. In pratica, questi studi diranno se le persone che sono state vaccinate rispetto al gruppo non vaccinato, chiamato gruppo di controllo, sono immuni o in parte immuni al...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1