Uomo pugnalato a morte a Clarens, un arresto

cronaca nera

Una donna a Pontarlier in Francia ha confessato l’omicidio ed è finita in manette - Il dossier è ora in mani francesi, poiché l’Esagono non estrada i suoi cittadini

Uomo pugnalato a morte a Clarens, un arresto
©CdT/Archivio

Uomo pugnalato a morte a Clarens, un arresto

©CdT/Archivio

VD: uomo pugnalato e ucciso a Clarens, sospetta fermata in Francia

Un 59enne svizzero è stato ritrovato morto, accoltellato a più riprese, nella sua abitazione a Clarens (VD) lo scorso martedì. La sospetta omicida è stata arrestata a Pontarlier, in Francia, ed ha ammesso i fatti.

La presunta autrice del delitto, una francese sulla trentina, è stata fermata dalle autorità francesi su richiesta del Ministero pubblico vodese, indica in una nota odierna la polizia cantonale vodese. Il dossier è ora in mani francesi, poiché l’Esagono non estrada i suoi cittadini.

Il corpo del 59enne è stato ritrovato martedì mattina, attorno alle 9.00, all’interno del suo appartamento. In base alle prime informazioni, l’uomo era deceduto da alcuni giorni, precisa la polizia, senza fornire ulteriori dettagli.

Secondo il quotidiano francese «L’Est Républicain», che ha rivelato il caso, la donna lavorava a casa della vittima come domestica. Presumibilmente, nel corso di una lite scoppiata tra i due, la donna - sentendosi minacciata - avrebbe pugnalato il 59enne.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1