«Vedremo se l’UE non sarà pronta a fare compromessi»

Accordo quadro

Hans-Jörg Bertschi, imprenditore, è copresidente di Autonomiesuisse. L’associazione, che rappresenta personalità dell’economia ed è legata ai partiti di centro, era scettica verso l’intesa, che non ci sarà — Intervista

«Vedremo se l’UE non sarà pronta a fare compromessi»
© CdT/Chiara Zocchetti

«Vedremo se l’UE non sarà pronta a fare compromessi»

© CdT/Chiara Zocchetti

Hans-Jörg Bertschi è copresidente di Autonomiesuisse. L’associazione, che rappresenta personalità dell’economia ed è legata ai partiti di centro, era scettica verso l’accordo quadro. Ecco la reazione dell’imprenditore alla decisione odierna del Consiglio federale di non concludere l’intesa.

È soddisfatto della decisione del Governo?

«Sì, la decisione apre la via per un nuovo inizio nelle trattative con l’Unione europea. Ma non solo: tutela la sovranità della Confederazione, cosa che con molta probabilità non sarebbe stata possibile con una ratifica dell’accordo quadro istituzionale. Sui tre punti fondamentali rimasti aperti, ovvero quelli nell’ambito della direttiva sulla libera circolazione dei cittadini europei, della protezione dei salari e degli aiuti di Stato, le divergenze restavano...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1