Verso il 27 settembre con tre «no» e due «sì»

l’indagine

Secondo sondaggio SSR in vista delle votazioni - Alle urne si profila il via libera all’acquisto di nuovi aerei da combattimento e al congedo paternità - Verrebbero invece bocciate l’iniziativa per un’immigrazione moderata, la legge sulla caccia e le detrazioni fiscali per i figli

Verso il 27 settembre con tre «no» e due «sì»
© CdT/ Chiara Zocchetti

Verso il 27 settembre con tre «no» e due «sì»

© CdT/ Chiara Zocchetti

Una netta maggioranza di elettori intende respingere l’Iniziativa per un’immigrazione moderata e accettare l’introduzione del congedo di paternità di due settimane, come pure l’acquisto di nuovi aerei da combattimento: è quanto emerge dal secondo sondaggio della SSR in vista della votazione del 27 settembre. Più incerto l’esito del voto sulla legge sulla caccia e sulle detrazioni fiscali per i bambini.

I fronti si stanno consolidando a pochi giorni dal voto popolare del 27 settembre. L’Iniziativa per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione) dell’UDC non sembra convincere. Il 63% intende esprimere un «no» alle urne, in base al secondo sondaggio della SSR, realizzato dall’istituto gfs.bern. Il sondaggio rivela un’ampia disparità tra le regioni linguistiche: il 71% delle persone interrogate nella Svizzera francese intende bocciare l’iniziativa, contro il 61% nella Svizzera tedesca e il 49% nella parte di lingua italiana. In quest’ultima regione anche i sostenitori dell’iniziativa raggiungono il 49%, mentre gli indecisi sono scesi al 2%. «Questo significa che un sì nella Svizzera italiana è del tutto possibile», rilevano gli autori dell’inchiesta.

Il congedo di paternità piace

L’introduzione di un congedo di paternità di due settimane convince invece il 61% degli intervistati. La percentuale di intenzioni favorevoli e sfavorevoli è rimasta stabile durante la campagna. Gli elettori di tutti i principali partiti sostengono il progetto, ad eccezione di quelli dell’UDC.

Tutte le regioni linguistiche sono favorevoli al congedo, ma ci sono delle differenze: la proposta verrebbe approvata dal 77% degli elettori di lingua francese, dal 58% di quelli di lingua tedesca e dal 57% degli italofoni. In Ticino, il campo del no si è rafforzato dal lancio della campagna, mentre i fronti sono rimasti stabili nelle altre due regioni linguistiche. Il sostegno al congedo di paternità è più forte anche tra i giovani.

Verso il sì agli aerei da combattimento

Il rifiuto popolare dell’acquisto dei Gripen nel 2014 non dovrebbe ripetersi. Il 56% degli elettori intervistati prevede di votare «sì» all’acquisto di nuovi aerei da combattimento. I sostenitori dei partiti di sinistra sono contrari, mentre quelli di destra sono favorevoli. Solo l’elettorato dei Verdi liberali sembra essere molto diviso su questo tema.

Anche qui ci sono differenze significative tra le regioni linguistiche: mentre il Ticino e la Svizzera tedesca dicono chiaramente di ‘sì’, la Svizzera francese è leggermente incline a votare ‘no’. Gli uomini sono più propensi a sostenere l’acquisto di aerei da combattimento rispetto alle donne.

Sulla caccia c’è ancora molta indecisione

L’esito della votazione sulla revisione della legge sulla caccia è incerto. Il 46% degli intervistati dichiara di voler votare «sì» e il 48% «no», mentre il 6% rimane ancora indeciso. Tuttavia, il campo degli avversari si è rafforzato durante la campagna e ha guadagnato 12 punti percentuali. «Possiamo aspettarci una certa dinamica fino alla fine», osserva gfs.bern.

Gli elettori di sinistra e dei Verdi liberali sono chiaramente contrari, mentre gli elettori di destra sono favorevoli. Le donne e i giovani sono più propensi a votare «no». Gli oppositori sono particolarmente numerosi nei grandi agglomerati urbani, mentre nelle campagne predominano i sostenitori della nuova legge.

Deduzioni fiscali in perdita di consensi

Infine, si è indebolito nelle ultime settimane il campo dei favorevoli all’aumento delle deduzioni fiscali per i bambini nell’Imposta federale diretta. Mentre gli elettori intenzionati a votare «sì» erano ancora in maggioranza un mese fa, ora è il «no» che ha preso il sopravvento, salendo al 52%.

Gli elettori dei partiti di sinistra e dell’UDC sono chiaramente contrari al progetto. Nei cantoni latini sta emergendo una tendenza al «sì», mentre la Svizzera tedesca si oppone alle nuove deduzioni. «L’esito di questo voto rimane aperto, anche se attualmente appare favorito il campo degli avversari», conclude gfs.bern.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1