Zurigo chiede più aperture domenicali per sostenere i commerci

vendite

La responsabile dell’economia cantonale chiede alla Confederazione maggiori concessioni per il settore duramente colpito dalla crisi: «Le date di recupero dovrebbero essere nel periodo precedente il Natale»

 Zurigo chiede più aperture domenicali per sostenere i commerci
©KEYSTONE/Alexandra Wey

Zurigo chiede più aperture domenicali per sostenere i commerci

©KEYSTONE/Alexandra Wey

La consigliera di Stato zurighese Carmen Walker Späh (PLR) chiede alla Confederazione di autorizzare quest’anno più vendite domenicali del solito. Questo per sostenere il commercio al dettaglio colpito dalla crisi causata dal coronavirus.

«Come responsabile economica del cantone economicamente più importante, chiedo che il governo federale permetta ai negozi di recuperare le aperture domenicali annullate l’anno scorso», ha detto Walker Späh in un’intervista apparsa oggi sui giornali del gruppo CH Media. Idealmente, le «date di recupero» dovrebbero essere nel periodo che precede il Natale, ha aggiunto.

Altre quattro vendite domenicali saranno aggiunte alle quattro legalmente permesse quest’anno. L’approvazione di una tale eccezione è di competenza del Consiglio federale.

Indipendentemente dal coronavirus, il governo cantonale di Zurigo vuole liberalizzare l’apertura dei negozi e gli orari di lavoro. L’attuale diritto del lavoro e gli orari di apertura non corrispondono più alle esigenze ed è ora di dare un taglio alle vecchie abitudini, sostiene la consigliera di Stato. I negozi aperti di domenica erano sempre ben frequentati prima della pandemia. E un numero particolarmente elevato di persone ha fatto domanda per impieghi con lavoro domenicale.

La richiesta di Walker Späh non fa l’unanimità. Otto anni fa, ad esempio, gli elettori del canton Zurigo avevano respinto un’iniziativa popolare cantonale per orari di apertura dei negozi più liberali e i principali sindacati si oppongono a un’espansione del lavoro domenicale nella vendita.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1