Il fenomeno

Caffè virtuali
da 10 miliardi

Caffè virtuali <br />da 10 miliardi
Chiunque abbia un’idea e una connessione a Internet può realizzare qualcosa di valore e soprattutto venderlo.

Caffè virtuali
da 10 miliardi

Chiunque abbia un’idea e una connessione a Internet può realizzare qualcosa di valore e soprattutto venderlo.

Per una analista della Stanford University che si chiama Paul Saffo, è dal 1997 che esiste la cosiddetta «Creator Economy». Si tratta di una nicchia di quella che agli albori era definita «new economy», in cui i primi creatori di contenuti per la rete occupavano il loro angolo di Internet. Per esempio, caricavano animazioni Flash o illustrazioni manga scansionate su siti dedicati. All’epoca, questi professionisti (o content creator all’inglese) non avevano ancora, però, gli strumenti adatti per vendere i loro contenuti e guadagnarsi da vivere. Inutile dire che oggi tutto è cambiato, grazie alla maggiore disponibilità di strumenti fisici (dalle configurazioni di streaming ai tablet da disegno) e all’avvento di nuovi strumenti digitali per produrre e commercializzare contenuti. La pandemia, poi, si è rivelata un vento tanto favorevole quanto inaspettato per quella che una volta era definita come una comunità di creativi, sempre tenuta un po’ ai margini. E, quindi, si è inaugurata una nuova generazione di creatori di contenuti professionisti e si è stabilito un nuovo paradigma: chiunque abbia un’idea e una connessione a Internet può realizzare qualcosa di valore e soprattutto venderlo! Anche perché la maggior parte delle piattaforme predilette dai creatori di contenuti per la rete (dalle newsletter ai podcast) utilizza soluzioni dedicate per facilitare la monetizzazione. Per esempio, Substack consente agli scrittori di creare proprio newsletter a pagamento. Twitter permette di condividere contenuti premium a pagamento con i loro «Super Follower». Ma anche Buy Me a Coffee aiuta a ricevere supporto concreto dai fan sotto forma di piccoli contributi (appunto, il costo di un caffè).

Ma per valutare il reale impatto di questa «Creator Economy», Stripe, azienda tecnologica globale che costruisce infrastrutture per l’economia di Internet, ha misurato la crescita di 50 tra le piattaforme più popolari. Si tratta di una frazione dell’intera attività dei creatori di contenuti, ma questi macro-trend possono essere indicativi per l’intero settore. Il dato complessivo relativo alla monetizzazione aggregata delle 50 piattaforme analizzate, in cui non compaiono siti svizzeri, sfiora la cifra considerevole di 10 miliardi di franchi. Sebbene il 2020 abbia prodotto un incremento nel numero di creatori di contenuti di valore - a causa delle restrizioni dovute alla pandemia - non è stato un picco una tantum. Un anno dopo, infatti, questi professionisti di ambiti molto variegati crescono ancora a un ritmo record (+48% anno su anno).

Si pensa che la «Creator Economy» possa essere germogliata negli Stati Uniti, anche se oggi si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo: i Paesi con la crescita più rapida di nuovi creatori di contenuti sono, infatti, la Repubblica Ceca (+270%), la Romania (+215%) e il Brasile (+171%). In virtù di queste prospettive di rimunerazione, aumentano le persone che abbandonano il proprio lavoro per dedicarsi totalmente alla propria passione online. In Giappone, le entrate mensili medie di un creatore di contenuti sono aumentate del +435%. Negli Stati Uniti, invece, il numero di quanti guadagnano un salario considerato sufficiente a soddisfare i bisogni di base (cioè superiore ai 69.000 dollari annui negli States) è cresciuto del +41%. Ed è facile immaginare che questa tendenza possa continuare man mano che vengono sviluppati nuovi metodi per la creazione di contenuti online, sbloccando di conseguenza anche nuovi modi per monetizzare. Per esempio, un settore molto tradizionale come quello dell’arte sta vivendo un vero e proprio «Rinascimento Digitale». Infatti, molti artisti si stanno riversando su Nifty Gateway, piattaforma che consente ai creator di vendere arte crittografata tramite NFT.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech & Scienza
  • 1
  • 2
    La classifica

    L’uomo più ricco
    sulla terra è Elon Musk

    A confermarlo è il Bloomberg Billionaires Index, che ogni anno fa i conti in tasca agli uomini più danarosi del mondo e che vede nelle prime posizioni moltissimi super ricchi che provengono dal mondo hi-tech.

  • 3
    Consigli

    I migliori tablet
    per la scuola

    Dimensione, risoluzione, connettività, processore e memoria: ecco i parametri da valutare per scegliere il dispositivo più adatto.

  • 4
  • 5
    Innovazione

    Siamo tutti caregiver
    (o lo diventeremo)

    FamilyHelp.AI intende offrire, proprio a chi si fa carico di sostenere un malato, una modalità efficace per prendersi cura da remoto dei propri cari.

  • 1