Il dispositivo

Deumidificatore d’aria:
guida alla scelta

Deumidificatore d’aria: <br />guida alla scelta
Un prodotto essenziale, con effetti benefici sulla qualità dell’ambiente, che dev’essere scelto con cura e attenzione a tutti gli aspetti tecnici.

Deumidificatore d’aria:
guida alla scelta

Un prodotto essenziale, con effetti benefici sulla qualità dell’ambiente, che dev’essere scelto con cura e attenzione a tutti gli aspetti tecnici.

Sta arrivando l’estate, le temperature si alzano e la necessità di rinfrescare l’ambiente di casa diventa un’esigenza imprescindibile. Una buona soluzione per ovviare al problema dell’afa è quella di dotarsi di un deumidificatore, cioè un dispositivo in grado di eliminare l’umidità dall’ambiente trasformando in acqua il vapore presente nella stanza in cui viene posizionato. Come tutti gli elettrodomestici, anche il deumidificatore ha delle specifiche tecniche che devono essere tenute in considerazione per scegliere un prodotto di qualità, che faccia il suo dovere senza impattare eccessivamente sulla bolletta.

I vantaggi della deumidificazione
Oltre a ridurre la temperatura percepita (senza agire sui gradi centigradi effettivi ma trasformando il clima da umido a secco), un buon deumidificatore ha anche ricadute positive sulla salubrità dell’ambiente. Chi vive in zone particolarmente umide sa che un’eccessiva umidità è spesso responsabile dell’insorgenza di muffe e funghi che possono rovinare i muri in maniera irreversibile. Inoltre sono tanti i vantaggi anche dal punto di vista della respirazione, riducendo i problemi di allergia e asma ed eliminando il rischio di problemi muscolari dovuti all’umidità.

Funzionamento e tipologie
Il processo con cui questi apparecchi eliminano l’umidità nell’ambiente è piuttosto semplice: l’aria assorbita dal sistema viene filtrata in modo da trattenere le molecole di acqua, che vengono condensate e fatte confluire nel serbatoio, mentre l’aria deumidificata esce dal circuito attraverso i bocchettoni laterali. In commercio si trovano diversi tipi di deumidificatori, da quelli più basilari a quelli multifunzione, dotati di filtri specifici in grado di trattenere acari e batteri. Ci sono anche versioni che permettono di impostare la temperatura che si vuole raggiungere e la percentuale di umidità che si vuole eliminare. Sebbene alcune funzioni siano perfettamente sovrapponibili, è bene distinguere i deumidificatori dai purificatori d’aria, che hanno uno scopo diverso.

Caratteristiche da considerare
Nella scelta del miglior deumidificatore, ci sono degli aspetti da tenere in considerazione per acquistare un prodotto valido senza spendere cifre eccessive. Le prestazioni dei dispositivi sono influenzate in particolare da specifiche tecniche come il volume di acqua estraibile, espresso in litri su base quotidiana, il volume di aria che l’apparecchio è in grado di trattare in un arco temporale e la possibilità di attivare funzionalità aggiuntive, come la sanificazione dell’ambiente da polveri sottili, batteri e particelle dannose per la salute.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione è quello dei consumi: lavorando con cicli prolungati, il consumo energetico non deve oltrepassare un certo livello (circa 300 Watt), soprattutto per ambienti domestici di dimensioni medio-piccole. Infine, per una scelta ottimale bisogna valutare la robustezza dei materiali, la rumorosità dell’apparecchio, la disponibilità di prodotti per la manutenzione e, naturalmente, il rapporto qualità/prezzo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech
  • 1