Device

Guida alla scelta
dei power bank

Guida alla scelta <br />dei power bank
Il nostro tutorial sugli indispensabili caricatori portatili, da avere sempre con sé quando si è lontani da casa o dall’ufficio.

Guida alla scelta
dei power bank

Il nostro tutorial sugli indispensabili caricatori portatili, da avere sempre con sé quando si è lontani da casa o dall’ufficio.

Il power bank è divenuto un gadget indispensabile nella vita di tutti i giorni, sia sul lavoro che durante il proprio tempo libero: può essere portato ovunque, in tasca o nello zaino, per essere sempre a disposizione in caso di emergenza. Ma di cosa si tratta, più nel dettaglio? Il power bank è una batteria portatile che si può utilizzare per ricaricare ogni tipo di dispositivo. Solitamente questi accessori hanno uscite USB e a 5V. Dunque sono molto versatili e possono essere usati con smartphone, action cam, fotocamere, smartwatch e con qualsiasi cosa si ricarichi tramite porta USB. Una bella comodità, insomma, che consente di stare tranquilli se bisogna utilizzare il proprio telefono quando si è lontani da casa o dall’ufficio per tante ore, senza avere una presa a disposizione.

Il power bank presenta un prezzo relativamente contenuto. In termini di costi, si va dai 10.-/15.- franchi per i modelli meno capienti, sufficienti a ricaricare uno smartphone per volta, sino ai 70.-/80.- franchi, per quelli più grandi, magari forniti di tecnologie come il «quick charge» e la regolazione automatica della corrente. Più in generale, tra i fattori da considerare al momento dell’acquisto si ricordano la capienza, il peso, l’amperaggio in uscita (che influenza la velocità di ricarica), le tecnologie esclusive e le porte presenti. La capienza di questi strumenti, più nel dettaglio, si misura in mAh, che indica quanta energia elettrica può essere conservata all’interno di un accumulatore. Semplificando, più alto è il valore, più volte è possibile utilizzare un power bank per ricaricare completamente un dispositivo.

Attenzione anche alle proprie esigenze. Se si ha bisogno di una batteria di riserva da tenere nello zaino per le emergenze ci si può indirizzare verso un prodotto non troppo capiente e quindi economico. Se, invece, serve un compagno di viaggio per una vera e propria avventura che non prevede soste in luoghi dotati di elettricità, è bene munirsi di modelli capienti e dotati di più porte per ricaricare diversi dispositivi contemporaneamente. Per i viaggiatori, inoltre, è bene ricordare che sono stati introdotti dei limiti al trasporto aereo dei power bank. Occorre dunque verificare se il modello in possesso rispetta ciò che è imposto dalla compagna di volo del Paese che si va a visitare.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech
  • 1