Autonomia

Ricarica del cellulare:
ecco come prolungarla

Ricarica del cellulare: <br />ecco come prolungarla
L’uso dello smartphone incide sulla durata della batteria. È consigliabile affidarsi alla tecnologia Doze e disattivare le app non utilizzate.

Ricarica del cellulare:
ecco come prolungarla

L’uso dello smartphone incide sulla durata della batteria. È consigliabile affidarsi alla tecnologia Doze e disattivare le app non utilizzate.

Gli smartphone sono ormai parte integrante della nostra vita, al punto tale che sembra quasi impossibile potervi rinunciare anche solo per qualche ora. Chi trascorre molto tempo fuori casa sa però quanto la batteria del cellulare si possa scaricare in fretta: un aspetto fastidioso, soprattutto se si utilizza il telefono per lavoro e non si ha modo di ricaricarlo velocemente. Per fortuna a volte basta poco per prolungare il funzionamento della batteria. Esistono infatti alcuni semplici trucchi che possono essere adottati in qualsiasi occasione e che non vanno a inficiare sull’efficienza dello smartphone. D’altra parte, è meglio rinunciare per un breve lasso di tempo a qualche app inutilizzata piuttosto che ritrovarsi con un apparecchio completamente scarico nel bel mezzo di una chiamata importante.

Chi possiede un cellulare con sistema operativo Android può adottare la tecnologia Doze, che ha la funzione di chiudere automaticamente le applicazioni inutilizzate. Queste ultime, mediamente, possono consumare fino al 15% della batteria del telefonino, ma se ci si affida a Doze la quota si riduce al 3-5%. Usarla è semplice: basta cliccare sulla dicitura «Impostazioni», successivamente su «Batteria» e infine su «Ottimizzazione batteria», scegliendo le app da disattivare temporaneamente. Un altro sistema efficace per prolungare il funzionamento dello smartphone consiste nell’utilizzare la cosiddetta luminosità adattiva, meglio conosciuta con il termine inglese «Adaptive Brightness». Si tratta di una tecnologia presente su buona parte dei telefonini di ultima generazione, che riesce a regolare lo schermo sulla base della luce del luogo in cui ci si trova. Se si è all’aria aperta in una giornata di sole è inutile – oltre che controproducente – avere una luminosità troppo intensa: grazie all’«Adaptive Brightness» quindi si può godere di un notevole risparmio energetico.

Tra i sistemi più interessanti per risparmiare la batteria dello smartphone c’è poi quello di disattivare alcuni servizi. A meno che non sia strettamente necessario, in particolare, è consigliabile rinunciare per qualche ora all’NFC (Near Field Communication, che favorisce la comunicazione a breve distanza tra gli apparecchi), oltre che al Bluetooth e alla connessione dati. La loro utilità è indiscutibile, ma allo stesso tempo queste tecnologie comportano un notevole dispendio di batteria. Attenzione infine agli aggiornamenti automatici: se il livello di carica è scarso è preferibile selezionare l’impostazione manuale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech & Scienza
  • 1