Il fenomeno

Stress da social,
ecco come affrontarlo

Stress da social, <br />ecco come affrontarlo
Secondo un recente studio, le continue sollecitazioni provenienti da app quali Facebook, Instagram o Twitter portano a una vera e propria dipendenza dalla tecnologia

Stress da social,
ecco come affrontarlo

Secondo un recente studio, le continue sollecitazioni provenienti da app quali Facebook, Instagram o Twitter portano a una vera e propria dipendenza dalla tecnologia

Esiste una dipendenza, causa di stress e nervosismo, che ha origine nel nostro rapporto con smartphone, pc e tablet. È quella da «social network», posta sotto la lente di ingrandimento di tre rinomate università europee (due in Germania—a Bamberga e Norimberga—oltre a quella inglese di Lancaster). Si tratta di un disturbo molto attuale, che si è acutizzato negli ultimi mesi di emergenza sanitaria, durante i quali, per sfuggire alla solitudine del confinamento, sempre più persone hanno trovato conforto in video e chat online, rifugiandosi in una dimensione irreale e in alcuni casi anche pericolosa.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO con l’animazione grafica dei dati — Giovani e media, ecco le dipendenze (dello studio a cura dell’Osservatorio svizzero della salute)

Gli scienziati delle università citate hanno condotto uno studio su 444 utenti di Facebook, tutti di provenienza tedesca, intervistandoli tre volte nell’arco di un anno. Quello che ne è risultato è che per molti di loro la pressione avvertita dal flusso costante di messaggi, aggiornamenti e contenuti ricevuti attraverso le app dei social media non ha fatto altro che spingerli a usare più frequentemente i dispositivi elettronici, spesso anche in modo compulsivo, aumentandone così la dipendenza.

Stress da social, <br />ecco come affrontarlo

Sarebbe proprio questo il problema dello «stress da social», quello di non difendersi dalle continue sollecitazioni, non riuscendo ad allontanandosi dalla loro fonte. Nel caso, ad esempio, si discuta con un utente del web, anziché ignorare il dibattito ed evitare nervosismi, si tende a rispondere e a partecipare con ancora più coinvolgimento alla discussione, cosa che normalmente non avverrebbe con una persona sconosciuta nella realtà.

Ma qual è quindi il modo migliore per evitare che questo tipo di stress si trasformi in malattia? In molti lo chiamano «digital detox» e consiste in un periodo di tempo che si sceglie di passare lontano da social media e altri ambienti digitali, evitando di utilizzare del tutto smartphone, tablet, Pc e altri dispositivi simili. Un’intera giornata, una settimana o addirittura un mese lontano dal mondo virtuale, durante il quale dedicare tempo di qualità ad attività reali, prendendosi cura così del proprio benessere mentale. Una pratica che si è rivelata particolarmente utile anche per aumentare la produttività sul lavoro, migliorare l’umore e conciliare il sonno. Ma, soprattutto, una soluzione ideale per rendere il proprio rapporto con la tecnologia più sano e naturale, imparando a trarne i giusti benefici senza lasciarsi trascinare in una spirale di negatività e ansie inutili.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech
  • 1