Accessori

Una memoria virtuale
ancora più grande

Una memoria virtuale <br />ancora più grande
L’ultima frontiera dell’archiviazione dei dati è rappresentata dal NAS, il Network-Attached Storage, che consente di memorizzare enormi quantità di contenuti multimediali

Una memoria virtuale
ancora più grande

L’ultima frontiera dell’archiviazione dei dati è rappresentata dal NAS, il Network-Attached Storage, che consente di memorizzare enormi quantità di contenuti multimediali

La scarsa memoria dei dispositivi informatici, che siano computer, laptop o dispositivi mobili come smartphone e tablet, è da sempre uno dei principali problemi che tormentano i proprietari di questi device. Chi lavora con il computer, o semplicemente ama scattare molte fotografie con il proprio smartphone, si rende conto ben presto che la memoria interna non è in grado di contenere tutto il materiale che vorrebbe conservare. Per ovviare a questo problema, nel corso degli anni sono stati sviluppati diversi sistemi di archiviazione attraverso strumenti esterni: dai floppy disk degli anni Ottanta alle chiavette USB dell’epoca contemporanea, fino ai più capienti hard disk esterni che consentono di archiviare centinaia di Gigabyte di documenti come foto, video, software e file di testo.

Il Network-Attached Storage

L’ultima frontiera dell’archiviazione è il cosiddetto NAS, un dispositivo estremamente sicuro collegato alla rete internet, che consente di accedere e di condividere una memoria di massa, costituita da più dischi rigidi (HDD e/o SSD). L’acronimo NAS sta per Network-Attached Storage e indica un sistema integrato all’avanguardia, costituito da un vero e proprio minicomputer in grado di riprodurre i contenuti multimediali conservati al suo interno su tutti i dispositivi collegati (pc, smartphone, tablet, tv ecc.). I sistemi più avanzati permettono anche di creare copie di backup centralizzate e automatiche.

Come funzionano i NAS

Per garantire un ottimo livello di sicurezza e scongiurare la perdita accidentale dei dati, ogni Network-Attached Storage è provvisto di alcuni slot per l’alloggiamento dei dischi fissi, che devono essere configurati tramite un sistema RAID (Redundant Array of Independent Disks). I NAS si collegano alla rete tramite wi-fi, quindi permettono di gestire i dati in modo intelligente e integrato tra le varie piattaforme collegate al dispositivo. Tra le funzionalità avanzate di questi sistemi, inoltre, c’è la possibilità di utilizzarli come media center o come download station, o addirittura di creare piccoli siti web. Il NAS può quindi rappresentare la soluzione definitiva ai difetti di memoria dei tradizionali dispositivi informatici, ma può diventare anche uno strumento indispensabile per compiere operazione di condivisione e creazione di contenuti multimediali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tech & Scienza
  • 1