logo

Chiamano la figlia Blu: finiscono in procura

VOTA IL SONDAGGIO - Genitori milanesi costretti a cambiare il nome della loro bimba di un anno e mezzo - "È unisex"

Archivio CdT
 
22
maggio
2018
14:46
Red. Online

MILANO - Se non si presenteranno in procura sarà il giudice a decidere il nome della bambina di una coppia milanese che ha chiamato la figlia Blu. I genitori, si apprende oggi su "Il Giorno", si trovano costretti a rettificare l'atto di nascita perché Blu è ritenuto "un nome unisex". Andrebbe quindi apposto un onomastico femminile davanti a Blu: per la legge, infatti, "il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso e Blu non è inequivocabilmente attribuibile a una femmina".

La coppia si dovrà presentare giovedì in tribunale per evitare che siano i giudici a decidere al loro posto. La loro intenzione però è di spiegare che si tratta di un nome ormai riconosciuto internazionalmente. "Quando ci siamo presentati all'anagrafe per la registrazione ci avevano avvisato che poteva esserci il rischio di venir richiamati, ma ogni anno, secondo i dati Istat, ci sono circa sette Blu, in prevalenza bambine" hanno dichiarato i genitori.

 

Chiamano la figlia Blu: credi che i genitori debbano avere carta bianca sui nomi da dare ai propri bambini?

44 %
No
53 %
Non so
3 %
Il sondaggio � stato chiuso il 23/05/2018
Prossimi Articoli

Basta con gli influencer sul web, arrivano gli “influser”

Comunemente chiamati “anticipatori di tendenze” possono diventare le figure del domani nel mondo social

Una locomotiva “dedicata” a Norman Gobbi

Il consigliere di Stato posta le foto dei graffiti con il suo nome disegnati su un treno di FFS Cargo - "Grazie del pensiero ma è un reato"

Dopo la vittoria i giapponesi si fermano a pulire lo stadio

IL VIDEO - Al termine della partita vinta contro la Colombia, i tifosi dei "Samurai Blu" si sono fermati a raccogliere l'immondizia

Edizione del 21 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top