IL VISO DEL VINO 2017

L’annata del gelo ha dato
prodotti di qualità

I rossi del 2017 oggi mostrano tutto il loro potenziale: sono eleganti, sobri e ben strutturati

L’annata del gelo ha dato<br />prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato
prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato<br />prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato
prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato<br />prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato
prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato<br />prodotti di qualità

L’annata del gelo ha dato
prodotti di qualità

Il 2017 sarà ricordato come l’annata del gelo: da nord a sud, fino in Toscana, nelle notti dal 20 al 22 maggio, le temperature sono scese sotto gli zero gradi. Alla nostra latitudine, a Sud del Gottardo, pochi sono i vigneti che hanno subito danni ingenti. Tuttavia, chi ne è stato colpito, come il comune di Gordola nel mese di luglio, ha risentito sul quantitativo del raccolto finale tanto da registrare una delle vendemmie più piccole: -21% rispetto all’anno precedente e -12% rispetto alla media decennale.
Da alcuni anni assistiamo a vendemmie precoci: le condizioni meteo hanno permesso di raccogliere uve con buone gradazioni zuccherine e, nell’ultima decade di agosto, nei vigneti già si sentiva il chiacchiericcio dei vendemmiatori. Le uve perfette incantinate, da subito, hanno preannunciato una grande annata. Come sempre avviene in questi casi, però, si preferisce attendere qualche mese prima di pronunciarsi ma, già durante la fermentazione, i vini sprigionavano profumi freschi di frutta matura, un colore ricco di riflessi violacei e tannini maturi preannunciando grandi qualità.
La ricerca del vino perfetto, del quale ci si ricorderà negli anni, ha stimolato gli enologi a curare nei minimi dettagli le temperature di fermentazione e la durata di macerazione. Valutata la struttura, l’equilibrio e l’eleganza del vino, ecco che, con un minuzioso dosaggio, l’affinamento in botte, ha prodotto nettari complessi ed eleganti.
Due anni sono ormai trascorsi dalla vendemmia 2017: i vini, oggi, mostrano tutto il loro potenziale e potrete venire a scoprirli lunedì 2 settembre al Palazzo dei Congressi di Lugano. Vini eleganti, sobri o strutturati ognuno con la sua personalità, ognuno a rappresentare il carattere e lo stile del produttore-imprenditore. Il vino in Ticino, da anni, non è più solo Merlot o, meglio, Merlot rosso. Il Merlot vinificato in bianco è una realtà ormai acquisita che occupa oltre il 20% della nostra produzione. Dal canto loro, i vini barricati, dopo i tentativi degli anni Ottanta, oggi hanno un equilibrio di frutto e legno elegante e complesso tanto che sono riconosciuti dal Gotha internazionale. Scopriteli e degustateli in un ambiente professionale e con i protagonisti del mondo vitivinicolo ticinese.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1
  • 2
  • 3
    Automobili

    Una rivoluzione che avrà un prezzo

    Si apre oggi a Francoforte il Salone dell’automobile fra innovazioni tecnologiche, tensioni e prospettive difficili - Mario Cianflone: «La spinta all’elettrificazione dei veicoli comporterà un epocale cambiamento industriale»

  • 4
  • 5
    Internet

    I 15 anni di Google a Zurigo

    Oggi, con quasi 4.000 collaboratori provenienti da 85 Paesi, la capitale economica della Svizzera è anche il maggior sito di ricerca e sviluppo della società al di fuori degli Stati Uniti - LE FOTO

  • 1