Animali minacciati

La pavoncella è l’uccello del 2019

L’intensificazione dell’agricoltura con macchinari e pesticidi nei campi ha portato alla quasi totale scomparsa dell’esemplare in Svizzera

La pavoncella è l’uccello del 2019
via Wikipedia

La pavoncella è l’uccello del 2019

via Wikipedia

BERNA - BirdLife Svizzera ha designato la pavoncella quale uccello dell’anno 2019. Una volta questa specie viveva nei prati umidi, ma dopo la loro bonifica si è adattata ai campi coltivati ed è ora minacciata di estinzione, scrive l’associazione in una nota diramata oggi.

L’intensificazione dell’agricoltura, con i suoi molteplici passaggi di macchinari nei campi e l’utilizzo massiccio di pesticidi, ha condotto alla quasi totale scomparsa in Svizzera di questo uccello dal tipico, lungo ciuffo di piume sul capo e i riflessi violetti delle parti scure del piumaggio cangiante. Nel 2005 in Svizzera venivano ancora conteggiate solamente 83 coppie di pavoncella (Vanellus vanellus il suo nome scientifico latino).

Grazie a una stretta collaborazione tra le associazione per la natura e gli agricoltori per la salvaguardia dei siti di nidificazione, la pavoncella ha ora una nuova opportunità: nel 2018 nell’intero Paese sono state contate 206 coppie nidificanti.

Gli effettivi sono però ancora troppo pochi - avverte BirdLife - per potersi mantenere senza misure, e in alcune regioni la collaborazione tra gli agricoltori e le associazioni per la natura deve essere ulteriormente migliorata e intensificata.

«Sfortunatamente, la tendenza a colmare le depressioni umide nei campi coltivati e nei prati, veri biotopi che costituiscono dei siti di alimentazione importanti non solo per le pavoncelle, persiste», scrive l’associazione, di cui fanno parte 65’000 persone appartenenti a 18 organizzazioni nazionali e associazioni cantonali - Ficedula nella Svizzera italiana - e 440 sezioni locali, impegnate nella protezione degli uccelli e della natura.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1