Fumatori

La sigaretta elettronica si diffonde malgrado le polemiche

Ad alimentare il dibattito è in particolare la questione della vendita ai minorenni dei prodotti contenenti nicotina

La sigaretta elettronica si diffonde malgrado le polemiche

La sigaretta elettronica si diffonde malgrado le polemiche

BERNA - Con l'avvio della vendita di liquidi contenenti nicotina e l'arrivo del gigante americano dello svapo Juul a Zugo, quest'anno la sigaretta elettronica è stata una dei temi più dibattuti in Svizzera. Al centro delle discussioni vi è stata la vendita ai minori.

Fino al momento in cui i liquidi con nicotina erano vietati, la sigaretta elettronica aveva solo una clientela di nicchia nella Confederazione. La situazione è cambiata rapidamente alla fine di aprile con la decisione del Tribunale amministrativo federale che ha autorizzato con effetto immediato l'importazione e la vendita di flaconi contenenti tale composto, nel rispetto del principio Cassis de Dijon secondo cui i prodotti fabbricati e venduti legalmente nell'Unione europea possono essere venduti anche in Svizzera senza particolari controlli.

La vendita è quindi stata permessa senza essere regolamentata, soprattutto per quanto riguarda la vendita ai minori, in attesa della nuova legge sul tabacco. Per colmare le lacune nella protezione della gioventù, l'Ufficio federale della sicurezza alimentare (USAV) ha invitato i rappresentanti del settore a una tavola rotonda per cercare delle soluzioni.

Nell'arco di due mesi, la scorsa estate è stato istituita un'autoregolazione del settore. «L'USAV è molto soddisfatto del risultato, che è stato possibile soprattutto grazie alle aziende implicate», ha riferito il portavoce dell'ufficio Stefan Kunfermann a Keystone-ATS. Alcuni fornitori hanno volontariamente adottato un codice di condotta che esclude la vendita di questi prodotti a minori.

La questione della vendita ai minorenni è però rapidamente riemersa con l'arrivo in dicembre di Juul in Svizzera. Il numero uno della sigaretta elettronica negli Stati Uniti si trova al centro di polemiche perché molti adolescenti utilizzano i suoi prodotti. In seguito alle critiche, l'azienda ha cambiato la sua strategia di marketing e ritirato dalla gamma alcuni sapori apprezzati dai giovani.

Per ridurre la controversia che è scaturita in Svizzera, il gigante ha preso posizione affermando che intende offrire una "via d'uscita dal tabacco" agli 1,78 milioni di fumatori adulti presenti nella Confederazione e ha sottoscritto il codice di condotta riguardante l'età minima di vendita delle sigarette elettroniche nonché le restrizioni alla pubblicità.

Juul ha ampiamente conquistato il mercato americano grazie a un prodotto contente un alto tasso di nicotina che ha sedotto numerosi fumatori. Il suo successo in Europa non è tuttavia garantito poiché per l'Unione europea, e quindi per la Svizzera, il limite massimo di nicotina è fissato a 20 milligrammi per millilitro di liquido, contro i 59 mg negli Stati Uniti.

La controversia sulla vendita ai minori ha fatto passare in secondo piano le discussioni sulle conseguenze del fumare sigarette elettronica. Ai non fumatori viene chiaramente sconsigliato. Mentre per i fumatori della sigaretta classica lo svapo può rappresentare un'alternativa, poiché secondo gli specialisti esso è il 95% meno dannoso. Si tratta di un modo per consumare nicotina senza inalare la maggior parte dei prodotti tossici contenuti nelle sigarette a combustione. Tuttavia, le conseguenze a lungo termine sulla salute non sono ancora note.

Quasi due terzi dei fumatori (61%) affermano di voler smettere. Per molti è però difficile rinunciare completamente alla nicotina e per questo motivo è da un po' di tempo che il centro di sostegno contro le dipendenze Suchthilfe Ost di Olten (SO) ha introdotto un nuovo programma che include la sigaretta elettronica.

Con una quota del 25% della popolazione di età superiore ai 15 anni che fuma, la Svizzera non è uno dei migliori esempi nella lotta contro l'abuso di tabacco. Ogni anno 9500 persone muoiono prematuramente per le conseguenze del tabagismo (ovvero il 15% dei decessi nella Confederazione). Un nuovo progetto di legge sul tabacco, che potrebbe entrare in vigore nel 2022, viene attualmente dibattuto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1