Enogastronomia

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Enrico Bartolini è stato il protagonista di una serata al Blu Restaurant & Lounge per S.Pellegrino Sapori Ticino

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Davide Asietti con Enrico Bartolini prima della cena al Blu Restaurant & Lounge di Locarno.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Davide Asietti con Enrico Bartolini prima della cena al Blu Restaurant & Lounge di Locarno.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Patata soffice, uovo e uova.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Patata soffice, uovo e uova.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Bigné di scampo, il secondo piatto di Enrico Bartolini.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Bigné di scampo, il secondo piatto di Enrico Bartolini.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Bottone di olio e lime con ristretto di caciucco e polpo alla brace.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Bottone di olio e lime con ristretto di caciucco e polpo alla brace.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Riso e latte con civet e rabarbaro.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Riso e latte con civet e rabarbaro.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Coda di bue alla royal, il piatto principale della serata a Locarno.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Coda di bue alla royal, il piatto principale della serata a Locarno.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Albero di arance con gelato di pistacchio e zabaione al Marsala.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Albero di arance con gelato di pistacchio e zabaione al Marsala.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Da sinistra Enrico Bartolini, Dany Stauffacher, patron di S.Pellegrino Sapori Ticino, e Davide Asietti.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Da sinistra Enrico Bartolini, Dany Stauffacher, patron di S.Pellegrino Sapori Ticino, e Davide Asietti.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Dany Stauffacher con Luca Reggiori, direttore del Blu Restaurant & Lounge di Locarno.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Dany Stauffacher con Luca Reggiori, direttore del Blu Restaurant & Lounge di Locarno.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Davide Asietti ha accolto lo chef milanese nella sua cucina.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Davide Asietti ha accolto lo chef milanese nella sua cucina.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Le friandises a cura dello chef Davide Asietti, a conclusione della serata.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Le friandises a cura dello chef Davide Asietti, a conclusione della serata.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
La sala principale del Blu durante la cena di S.Pellegrino Sapori Ticino.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

La sala principale del Blu durante la cena di S.Pellegrino Sapori Ticino.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
I grandi vini ticinesi sono stati i protagonisti della serata.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

I grandi vini ticinesi sono stati i protagonisti della serata.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
Da destra Raffaella Gialdi, Guido Gialdi e compagna.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

Da destra Raffaella Gialdi, Guido Gialdi e compagna.

 Lo chef a sei stelle incanta Locarno
La brigata di cucina al completo.

Lo chef a sei stelle incanta Locarno

La brigata di cucina al completo.

LOCARNO - Uno chef da record, ecco come potremmo definire Enrico Bartolini, cuoco da sei stelle Michelin in 5 ristoranti in Italia, professionista capace di unire spirito imprenditoriale a creatività ai fornelli. Nell’edizione che il festival enogastronomico ticinese ha voluto dedicare ai grandi chef de Les Grandes Tables de Suisse, l’eccezione è stata rappresentata proprio dal cuoco di origini toscane, oggi volto dell’omonimo ristorante Mudec, al terzo piano del Museo delle Culture di Milano. Ad ospitarlo nella sua cucina del Blu Restaurant & Lounge di Locarno martedì 1 giugno, è stato Davide Asietti. Per lui e per tutto lo staff del noto locale locarnese è stata una prima assoluta: infatti, dopo aver ospitato diverse serate lounge, con Bartolini è stata la prima serata con un grande chef ospite. Non ha nascosto la sua emozione chef Asietti, conquistato dal cuoco milanese per professionalità e umanità. Da parte sua, il «super-stellato» ha raccontato la sua filosofia gastronomica attraverso alcuni piatti ai quali ha lavorato per diversi anni. «Per farmi conoscere qui in Ticino ho voluto proporre alcuni dei miei cavalli di battaglia – ci ha raccontato Bartolini - sono piatti nati da ispirazioni di moltissimi anni fa, dei miei inizi come cuoco. Erano buone idee, ma all’epoca non avevo l’esperienza e le capacità per realizzarli come erano nella mia testa. Oggi, dopo oltre 20 anni di lavoro, sono felice di fare assaggiare questi piatti che sono migliorati e che ora mi rappresentano appieno». Ad accompagnare il percorso gastronomico a sei portate dello chef italiano sono stati i vini della famiglia Gialdi di Mendrisio. Per l’occasione, Feliciano e la figli Raffaella hanno scelto alcune etichette iconiche che rappresentano la grande passione e la lunga storia come vinattieri. Dopo un inizio con lo Chardonnay Carisma, hanno proposto un 2016 di Bianco Rovere, per raccontarne la complessità crescente nell’invecchiamento, e naturalmente il mitico Sassi Grossi, bandiera enologica dell’azienda.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1