Salute con sapore? Si può!

Enogastronomia

S.Pellegrino Sapori Ticino ha organizzato all'Ospedale Italiano di Lugano una serata insieme ai cuochi dell'EOC: piatti pensati per specifiche patologie, ma in versione «stellata»

 Salute con sapore? Si può!
Dany Stauffacher e Maria Mallone insieme agli chef EOC all’Ospedale Italiano di Lugano.

Salute con sapore? Si può!

Dany Stauffacher e Maria Mallone insieme agli chef EOC all’Ospedale Italiano di Lugano.

 Salute con sapore? Si può!
Caviale di melanzane su chips di polenta: il primo antipasto della serata.

Salute con sapore? Si può!

Caviale di melanzane su chips di polenta: il primo antipasto della serata.

 Salute con sapore? Si può!
Salsicciotto di lucioperca e gamberi di fiume alla senape in grani e spaghetti di zucchine.

Salute con sapore? Si può!

Salsicciotto di lucioperca e gamberi di fiume alla senape in grani e spaghetti di zucchine.

 Salute con sapore? Si può!
Raviolone aperto con chanterelles e verdure di stagione.

Salute con sapore? Si può!

Raviolone aperto con chanterelles e verdure di stagione.

 Salute con sapore? Si può!
Filetto di vitello in camicia di coste e formaggio blu del Ticino, con cremoso di cannellini.

Salute con sapore? Si può!

Filetto di vitello in camicia di coste e formaggio blu del Ticino, con cremoso di cannellini.

 Salute con sapore? Si può!
Terrina di caprino con spicchi di mela caramellata al miele di castagno.

Salute con sapore? Si può!

Terrina di caprino con spicchi di mela caramellata al miele di castagno.

 Salute con sapore? Si può!
Bavarese nocino e noci con composta di rabarbaro.

Salute con sapore? Si può!

Bavarese nocino e noci con composta di rabarbaro.

 Salute con sapore? Si può!
Salute con Sapore è il nuovo progetto che vede la collaborazione tra Sapori Ticino ed EOC.

Salute con sapore? Si può!

Salute con Sapore è il nuovo progetto che vede la collaborazione tra Sapori Ticino ed EOC.

 Salute con sapore? Si può!
Carmine Navarra, membro della direzione generale EOC e Valeria Canova Masina, membro del CDA di EOC.

Salute con sapore? Si può!

Carmine Navarra, membro della direzione generale EOC e Valeria Canova Masina, membro del CDA di EOC.

 Salute con sapore? Si può!
La sala ristorante dell’Ospedale Italiano di Lugano durante la serata di Sapori Ticino.

Salute con sapore? Si può!

La sala ristorante dell’Ospedale Italiano di Lugano durante la serata di Sapori Ticino.

 Salute con sapore? Si può!
Luca Jelmoni, direttore EOC, ha raccontato al pubblico le sfide gastronomiche di un ospedale multisito.

Salute con sapore? Si può!

Luca Jelmoni, direttore EOC, ha raccontato al pubblico le sfide gastronomiche di un ospedale multisito.

 Salute con sapore? Si può!
La brigata di cucina al completo.

Salute con sapore? Si può!

La brigata di cucina al completo.

 Salute con sapore? Si può!
Carlo Giovio ha curato la ricetta del dessert omaggio al Ticino.

Salute con sapore? Si può!

Carlo Giovio ha curato la ricetta del dessert omaggio al Ticino.

 Salute con sapore? Si può!
Italo Vittoni ha realizzato il primo piatto puntando sui prodotti di stagione.

Salute con sapore? Si può!

Italo Vittoni ha realizzato il primo piatto puntando sui prodotti di stagione.

 Salute con sapore? Si può!
Omar Bigiolli, insieme a Fabrizio Marcionetti, ha creato la golosa ricetta del salsicciotto a base di pesce di lago.

Salute con sapore? Si può!

Omar Bigiolli, insieme a Fabrizio Marcionetti, ha creato la golosa ricetta del salsicciotto a base di pesce di lago.

 Salute con sapore? Si può!
Rinaldo Palermi ha presentato un antipasto adatto anche ad una dieta vegetariana.

Salute con sapore? Si può!

Rinaldo Palermi ha presentato un antipasto adatto anche ad una dieta vegetariana.

 Salute con sapore? Si può!
Ivan Casarotti ha ideato una ricetta dai sapori decisi pensata anche per i pazienti in cura chemioterapica.

Salute con sapore? Si può!

Ivan Casarotti ha ideato una ricetta dai sapori decisi pensata anche per i pazienti in cura chemioterapica.

 Salute con sapore? Si può!
Omar Crivelli ha chiuso in bellezza con i suoi dolcetti di farina bona e spampezia.

Salute con sapore? Si può!

Omar Crivelli ha chiuso in bellezza con i suoi dolcetti di farina bona e spampezia.

 Salute con sapore? Si può!
Day Stauffacher eLuca Jelmoni hanno raccontato al publico la collaborazione nata in occasione di Salute con Sapore.

Salute con sapore? Si può!

Day Stauffacher eLuca Jelmoni hanno raccontato al publico la collaborazione nata in occasione di Salute con Sapore.

 Salute con sapore? Si può!
Importante per la realizzazione del menu anche la figura della dietista, Maria Mallone.

Salute con sapore? Si può!

Importante per la realizzazione del menu anche la figura della dietista, Maria Mallone.

LUGANO - Una prima assoluta per S.Pellegrino Sapori Ticino, ma anche l'Ente Ospedaliero Cantonale. Due realtà che hanno saputo unire le forze per realizzare la prima cena gourmet all’interno dell’Ospedale Italiano di Lugano. Venerdì 7 giugno, infatti, circa 70 ospiti si sono seduti a tavola nel nuovo ristorante della sede cittadina e, da semplici commensali, hanno assaporato un percorso gastronomico di 6 portate preparato dai cuochi delle 5 strutture EOC. Omar Bigiolli, Ivan Casarotti, Carlo Giovio, Rinaldo Palermi e Italo Vittoni, coordinati da Fabrizio Marcionetti, hanno lavorato per mesi alla stesura di questo menu che ha sposato piatti salutari serviti quotidianamente ai pazienti a gusti di alta cucina. Questo nuovo progetto si chiama, non a caso, "Salute con Sapore" e nasce per dimostrare che, a dispetto delle credenze popolari, anche in ospedale si può mangiare con gusto, nonostante le limitazioni imposte da diete e patologie. L'incontro con Sapori Ticino è arrivato dopo che, nell’ultimo anno, EOC ha portato avanti con convinzione il progetto “TiNutre” che è riuscito a portare alla considerevole cifra dell'80% l’uso di prodotti alimentari locali. Questa attenzione ai prodotti agroalimentari ticinesi ha avvicinato l'ospedale multisito a Sapori Ticino, insieme al quale questa idea ha preso una forma più gourmet. Alcuni dei piatti serviti durante la serata sono stati pensati per specifiche patologie, ma rivisitati in versione «stellata» con una cura del dettaglio e una creatività da grande ristorante. Gli chef delle strutture di Locarno, Lugano, Bellinzona e Mendrisio hanno realizzato le pietanze rispettando la filosofia che li guida quotidianamente nel lavoro: pensare al paziente, cercare di prendersene cura attraverso una dieta bilanciata, ma con sempre un occhio di riguardo alla provenienza dei prodotti, alla loro stagionalità e, non ultimo, al sapore. La serata è stata una golosa occasione per presentare un progetto che vedrà il suo sviluppo in futuro iniziato con questa cena in ospedale, ma che guarda avanti per portare la popolazione sempre più vicina ad un'ottica di alimentazione salutare, senza rinunciare al piacere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1
  • 1