logo

Giocare alla Wii aiuta i pazienti con Parkinson?

La console allenerebbe specifiche capacità cognitive, tanto da essere un complemento di terapia

 
30
settembre
2014
14:44
ats

BASILEA - Giochi di movimento con una console Nintendo Wii migliorano le capacità cognitive delle persone affette dal morbo di Parkinson, anche di più di programmi di movimento computerizzati sviluppati appositamente per loro. Questa la conclusione di uno studio dell'Università di Basilea effettuato su 40 pazienti.

Le console Wii hanno comandi a distanza che registrano i movimenti. I giocatori si muovono davanti a uno schermo utilizzando tutto il corpo, sfidando spesso un giocatore virtuale.

Peter Fuhr, primario all'ospedale universitario di Basilea, e i suoi colleghi hanno fatto giocare i pazienti a ping-pong o tiro con l'arco e hanno comparato gli effetti ottenuti con un programma di computer sviluppato per persone affette da Parkinson, che allena specifiche capacità cognitive. Prima e dopo il training di quattro settimane tutti i pazienti sono stati testati in cinque settori cognitivi.

Le persone malate di Parkinson hanno tratto beneficio dai giochi abituali della Wii almeno tanto quanto dai programmi specifici sviluppati per loro. Nell'ambito dell'attenzione i giochi della console hanno raggiunto persino risultati migliori. Gli esiti sono stati pubblicati nel giornale specializzato "Neurology".

I ricercatori hanno concluso che i giochi della console possono essere un completamento economico, divertente e non medicamentoso a una terapia medica.

Edizione del 26 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top