Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Lugano

L’umanoide più avanzato e più celebre al mondo è oggi in Ticino in occasione del Forum innovazione della SUPSI - FOTO, VIDEO e SONDAGGIO

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia
© CdT/Putzu

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

© CdT/Putzu

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Ha i lineamenti femminili, un lieve sorriso ma porta nel nome la sapienza e la scienza che hanno permesso di realizzare questo prodigio della tecnologia. Si tratta di Sophia, uno dei robot più simili all’uomo mai costruiti. Figlia della Hanson Robotics, Sophia è in grado di simulare più di sessanta espressioni facciali diverse, passando così dai sorrisi alla tristezza, dalla faccia corrucciata a quella concentrata.

Un robot al LAC: abbiamo parlato con Sophia

Il prodigioso androide, attivato nel 2015 e che da allora ha girato ormai tutto il mondo, si trova oggi al LAC di Lugano in occasione del Forum innovazione della Svizzera italiana organizzato dalla SUPSI per presentare gli sviluppi della ricerca in tema di digitalizzazione e sostenibilità.

Presentata dal vicepresidente del Consiglio SUPSI Claudio Boër, dal direttore delegato per la ricerca Gianbattista Ravano e dal direttore generale Franco Gervasoni, Sophia ha anche interagito col pubblico presente questa mattina al LAC. Due microcamere installate negli occhi, consentono infatti a questo robot di stabilire un contatto visivo con l’interlocutore e di coglierne perfino lo stato d’animo. Grazie a un software di intelligenza artificiale Sophia è in grado di dialogare come un vero essere umano: le sue capacità dialettiche migliorano con l’interazione e riesce a ricordare il contenuto delle conversazioni precedenti.

Per ora il robot umanoide si esprime solo in inglese ed in inglese che ha soddisfatto le curiosità dei giornalisti rispondendo alle domande più disparate, da quelle più filosofiche a quelle più concrete come: «Credi che un’intelligenza artificiale potrebbe decidere un giorno di uccidere un essere umano?» (vedi video).

Loading the player...
Loading the player...
Loading the player...
Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Marija Miladinovic
Ultime notizie: Tempo Libero
  • 1

    Sul terrazzo del Mendrisiotto

    Itinerari

    Posto a 1.700 metri d’altezza il Monte Generoso offre una panoramica mozzafiato su Alpi e Pianura Padana – Straordinarie meraviglie della natura e dell’uomo si possono scoprire anche lungo i suoi sentieri – Stagione al via nel weekend con l’apertura del Fiore di pietra

  • 2

    Torte originali per compleanni «diversi»

    A casa con voi

    Tanti auguri da ExtraSette e Corriere del Ticino ai bambini e ragazzi che hanno compiuto gli anni tra fine aprile e inizio maggio e ci hanno mandato una foto dei festeggiamenti – GUARDA LE FOTO

  • 3

    Andar per parchi

    Tempo libero

    Dopo la quarantena torna la voglia di muoversi all’aperto a contatto con la natura - E allora perché non approfittare delle molte aree verdi del nostro cantone? Ecco qualche consiglio

  • 4

    La quarantena e quei 2 chili di troppo

    Salute

    Chiuso il lockdown in molti devono fare i conti con la bilancia e un peso forma ammaccato - I consigli della dietista Barbara Richli: «Se avete fame bevetevi un bel bicchiere d’acqua» - Over 65 e rischi

  • 5

    Ballare è tutta salute

    Movimento

    I molteplici benefici di un’espressione artistica che è prima di tutto un impulso naturale – L’esperto: «Siamo nati per danzare» e la musica ci spinge a farlo, ognuno in un modo che lo contraddistingue dagli altri

  • 1
  • 1