2G in discoteca, soddisfatti i locali notturni

Le reazioni

Bar e discoteche tirano un sospiro di sollievo - Massimo Suter: «Questa alternativa va incontro alle esigenze di un settore duramente colpito dalla pandemia»

2G in discoteca, soddisfatti i locali notturni
© Shutterstock

2G in discoteca, soddisfatti i locali notturni

© Shutterstock

Il 2G sbarca anche in Svizzera. Il Consiglio federale ha infatti deciso di tendere una mano a bar e discoteche. Le strutture pubbliche e le manifestazioni potranno infatti decidere di limitare l’accesso alle persone vaccinate e guarite, rinunciando così all’obbligo della mascherina. «Rispetto a quanto si profilava martedì, possiamo dirci soddisfatti», commenta Sandro «Katta» Cattaneo, direttore artistico e responsabile marketing del Seven Group. «Dovendo scegliere tra l’opzione di tenere le persone sedute e con l’obbligo della mascherina, e la possibilità di far entrare solo chi è guarito o vaccinato, quest’ultima è certamente più conveniente e credo potrà essere sfruttata dalla maggior parte dei locali», prosegue. L’alternativa, almeno per il mondo delle discoteche, «era quasi impraticabile, considerando tra l’altro che i posti a sedere nei locali generalmente sono pochi». I locali che decideranno di rimanere aperti, quindi, «presumo opteranno per il 2G. Al Seven ci prenderemo qualche giorno per rifletterci - visto che la misura entrerà in vigore dalla prossima settimana -, ma al 99% andremo in questa direzione».

Quanto deciso da Berna rappresenta «un passo avanti», dice da parte sua il presidente di GastroTicino, Massimo Suter: «Questa alternativa va incontro alle esigenze di un settore - il mondo della notte - duramente colpito dagli effetti della pandemia». In generale, la Commissione bar e club (CSBC) si dice «sollevata» e parla di «un segnale importante non solo per il settore, ma anche per le migliaia di lavoratori e per i giovani». Il 2G, proseguono, «rappresenterà una sfida logistica, soprattutto all’inizio, poiché le verifiche andranno fatte manualmente».

Chi per ora rimane fermo sulla propria decisione di sospendere il programma è il Vanilla Club: «La situazione pandemica e le relative normative sono in continua evoluzione, pertanto rimaniamo fermi sulla nostra posizione», spiega la direzione del club.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Cure sanitarie solo in Italia, da Campione parte un ricorso

    Enclave

    L’obiettivo è arrivare ad annullare la delibera della Regione Lombardia e permettere dunque ai cittadini di poter far capo all’assistenza ticinese - L’avvocata Marchesini: « la decisione non è sostenibile ed è illegittima»

  • 2

    «Nessuna motivazione valida per fermare il Rally in Ticino»

    territorio

    Nel rispondere a un’interrogazione firmata da 27 deputati di Verdi, PS, PPD, PLR, Più Donne e Lega il Consiglio di Stato fa notare che «non si intravedono ragioni per un rifiuto di principio alla manifestazione» – Le gare motoristiche sono limitate a un numero massimo di 10 all’anno – I disagi? «Simili a quelli di altri eventi»

  • 3
  • 4

    L’ospedale regionale corre spedito

    SOTTO LA LENTE

    Bellinzona, sottoscritto il contratto di compravendita dei terreni alla Saleggina sui quali sorgerà il futuro nosocomio che sostituirà il vetusto San Giovanni - Ecco quali sono i prossimi passi in vista della realizzazione dell’importante struttura sanitaria

  • 5

    Risolto il guasto tecnico che ha provocato disagi a Lugano

    Traffico ferroviario

    Ritardi e cancellazioni dei treni sono stati causati da un problema all’impianto ferroviario, i convogli non circolavano verso nord e viceversa – Il guasto è stato risolto in serata e i treni hanno ripreso a circolare normalmente

  • 1
  • 1