Formazione professionale

A Mezzana festa per gli specialisti del verde

JardinSuisse Ticino ha premiato con l’attestato federale di capacità (AFC) i suoi 34 apprendisti giardinieri e i 12 giovani diplomati col certificato federale di formazione pratica

A Mezzana festa per gli specialisti del verde
I premiati a Mezzana ritratti insieme a Fabio Forni, presidente di JardinSuisse Sezione Ticino.

A Mezzana festa per gli specialisti del verde

I premiati a Mezzana ritratti insieme a Fabio Forni, presidente di JardinSuisse Sezione Ticino.

Nell’incantevole cornice del Centro professionale del verde di Mezzana, moderna sede scolastica a disposizione dei nostri studenti, il 7 settembre JardinSuisse Ticino ha premiato con l’attestato federale di capacità (AFC) i suoi 34 apprendisti giardinieri e i 12 giovani diplomati col certificato federale di formazione pratica (CFP). Un traguardo condiviso con un centinaio di altri ragazzi e ragazze premiati anche nei settori dell’agricoltura e selvicoltura. Gli studenti sono stati accolti nella mattinata di questo giorno speciale dal direttore del Centro Michele Fürst, dai rappresentanti delle associazioni professionali di categoria, nonché dagli ispettori di tirocinio, dai periti d’esame e datori di lavoro.

Questa giornata ha sottolineato l’importanza di un comparto dove istruzione e formazione sono requisiti assolutamente imprescindibili per garantire sempre competenza e professionalità. Condizioni appunto irrinunciabili per ogni azienda che desidera imporsi sul mercato con elevate prestazioni qualitative e metodologiche, ottenendo la piena soddisfazione della propria clientela. Tema che, nella gradevole e conviviale mattinata di Mezzana, è stato al centro dei saluti di benvenuto tra le autorità, accomunate tutte nel sottolineare il ruolo e l’importanza dell’investimento in istruzione e formazione durante il corso della propria vita, non soltanto professionale.

Significative, sotto questo aspetto, le parole del consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia Christian Vitta, che ha elogiato l’Azienda di Mezzana come indiscutibile modello di successo nel guardare al futuro con deciso ottimismo. Il presidente di JardinSuisse Ticino, Fabio Forni, ha poi sollecitato i ragazzi, radunati nell’ampio cortile interno all’Azienda, ad aprirsi e guardare oltre il Ticino. Una necessità ripresa dal direttore dell’Azienda agraria, Daniele Maffei, e dall’ex-direttrice, Anna Biscossa, con la quale il Consigliere Vitta non ha mancato di complimentarsi per i suoi tanti anni di impegno e lavoro a Mezzana.

Non sono mancati, naturalmente, nemmeno i ringraziamenti alle aziende formatrici, senza le quali i giovani non potrebbero crescere professionalmente, acquisendo salde conoscenze per il mondo del lavoro. Lo ha ribadito Roberto Valaperta, Capo sezione della formazione industriale, agraria, artigianale e artistica, che ha preso la parola dopo la premiazione dei giardinieri, preceduta da quella degli agricoltori e dall’intervento di Marco Fantoni della Fondazione Carlo e Bruna Fabbroni. Una presenza che ha voluto premiare la miglior media conseguita al Centro Professionale del Verde, quest’anno ottenuta con punteggio di 5.6 da Francesco Ferriroli di Gordola per la selvicoltura.

Per i giardinieri nel ramo paesaggista è stato invece il giovane Gabriele Cremona di Arosio, impegnato presso il Municipio di Lugano, ad ottenere il meritato premio BPS Svizzera, riservato appunto alle migliori medie conseguite nelle quattro aree professionali. Per gli apprendisti giardinieri, il primo gradino del podio è stato conquistato da Gabriele Cremona, classificatosi al primo posto tra i neo-diplomati con Attestato federale di capacità (AFC), seguito dal luganese Damiano Gengaro della Scarpellini Giardini di Manno con una media del 5.1. Al terzo posto pari merito, si sono classificati, con una media di 4.9, i paesaggisti Alessio Capobianco di Bedano della Gatti & Co. Giardini di Lamone, Natan Careggi di Sigirino della Benicchio Giardini SA di Lamone, e la bellinzonese Camilla Cippà della OM Giardini Divini Sagl di Claro.

Seguono tra i paesaggisti che hanno ottenuto l’Attestato federale triennale di capacità, Lucio Andreotti, Daniele Anelli, Alex Bernasconi, Enrique Butti, Andrea Carotti, Davide Carucci, Federico Chiavenna, Justin Dill, Alessandro Ferrazzini, Andrea Fornera, Dari Forni, Beda Ignazitto, David Katz, Marco Maggioni, Yasin Miftin, Cedric Monfrecola, Leyla Nava, Marco Ossola, Alessandro Pini, Kastriot Ramadani, Giacomo Regazzoni, Stefano Rodriguez, Davide Salerno, Bryan Schellhammer, Jason Segale, Shasa Stoppa, Jan Stöckli, Simone Vanzetta e Fabienne Weber. Con una media di 5.0, Roberto Buzzi di Cassina Rizzardi impiegato alla Caminada Sementi SA di Cadempino, si è classificato invece al primo posto per i floricoltori.

Tra i dodici promossi del corso biennale con Certificato federale di formazione pratica (CFP), il primo posto nel ramo produzione piante, con una media del 5.3, l’ha ottenuto il giovane Dahtondji Fiacre Tchaba di Tesserete impiegato alla Stierlin Alberto di Muzzano, seguito con 4.9 dal paesaggista di Intragna Jason Jucker della W. Kurz giardini Sagl di Losone. Al terzo posto, pari merito con una media del 4.8, si sono posizionati invece i paesaggisti Giovanni Lonati di San Pietro della Poli Giardini SA di Brusino Arsizio, Bruk Tsegai di Minusio impiegato alla R. Kappler SA di Brione s. Minusio e Claudio Weishaupt di Mendrisio della Barone Giardini Sagl di Morbio Inferiore.

Seguono, tra i promossi con Certificato federale di formazione pratica (CFP), i paesaggisti Jayson Ascheri, Simone Baietti, Fabian Barloggio, Patrick Buchmann, Kilian Falconi, Luca Giambonini e Ghetu Terefe.

Non sono mancati, naturalmente, nemmeno i ringraziamenti alle aziende formatrici, senza le quali i giovani non potrebbero crescere professionalmente, acquisendo salde conoscenze per il mondo del lavoro. Lo ha ribadito Roberto Valaperta, Capo sezione della formazione industriale, agraria, artigianale e artistica, che ha preso la parola dopo la premiazione dei giardinieri, preceduta da quella degli agricoltori e dall’intervento di Marco Fantoni della Fondazione Carlo e Bruna Fabbroni. Una presenza che ha voluto premiare la miglior media conseguita al Centro Professionale del Verde, quest’anno ottenuta con punteggio di 5.6 da Francesco Ferriroli di Gordola per la selvicoltura.

Per i giardinieri nel ramo paesaggista è stato invece il giovane Gabriele Cremona di Arosio, impegnato presso il Municipio di Lugano, ad ottenere il meritato premio BPS Svizzera, riservato appunto alle migliori medie conseguite nelle quattro aree professionali. Per gli apprendisti giardinieri, il primo gradino del podio è stato conquistato da Gabriele Cremona, classificatosi al primo posto tra i neo-diplomati con Attestato federale di capacità (AFC), seguito dal luganese Damiano Gengaro della Scarpellini Giardini di Manno con una media del 5.1. Al terzo posto si sono classificati a primerito, con una media di 4.9, i paesaggisti Alessio Capobianco di Bedano della Gatti & Co. Giardini di Lamone, Natan Careggi di Sigirino della Benicchio Giardini SA di Lamone, e la bellinzonese Camilla Cippà della OM Giardini Divini Sagl di Claro.

Seguono tra i paesaggisti che hanno ottenuto l’Attestato federale triennale di capacità, Lucio Andreotti, Daniele Anelli, Alex Bernasconi, Enrique Butti, Andrea Carotti, Davide Carucci, Federico Chiavenna, Justin Dill, Alessandro Ferrazzini, Andrea Fornera, Dari Forni, Beda Ignazitto, David Katz, Marco Maggioni, Yasin Miftin, Cedric Monfrecola, Leyla Nava, Marco Ossola, Alessandro Pini, Kastriot Ramadani, Giacomo Regazzoni, Stefano Rodriguez, Davide Salerno, Bryan Schellhammer, Jason Segale, Shasa Stoppa, Jan Stöckli, Simone Vanzetta e Fabienne Weber. Con una media di 5.0, Roberto Buzzi di Cassina Rizzardi impiegato alla Caminada Sementi SA di Cadempino, si è classificato invece al primo posto per i floricoltori.

Tra i dodici promossi del corso biennale con Certificato federale di formazione pratica (CFP), il primo posto nel ramo produzione piante, con una media del 5.3, l’ha ottenuto il giovane Dahtondji Fiacre Tchaba di Tesserete impiegato alla Stierlin Alberto di Muzzano, seguito con 4.9 dal paesaggista di Intragna Jason Jucker della W. Kurz giardini Sagl di Losone. Al terzo posto, pari merito con una media del 4.8, si sono posizionati invece i paesaggisti Giovanni Lonati di San Pietro della Poli Giardini SA di Brusino Arsizio, Bruk Tsegai di Minusio impiegato alla R. Kappler SA di Brione s. Minusio e Claudio Weishaupt di Mendrisio della Barone Giardini Sagl di Morbio Inferiore.

Seguono, tra i promossi con Certificato federale di formazione pratica (CFP), i paesaggisti Jayson Ascheri, Simone Baietti, Fabian Barloggio, Patrick Buchmann, Kilian Falconi, Luca Giambonini e Ghetu Terefe.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
    Astano

    «Un 130% che sa di punizione»

    Il Cantone aumenta il moltiplicatore del 20% e i cittadini chiedono le dimissioni immediate del Municipio - «Il nostro Comune è discriminato ulteriormente nei confronti degli altri ticinesi»

  • 3
    Visionary Day

    «Sul 5G contano i fatti»

    Intervista al direttore dell’Ufficio federale delle comunicazioni Philipp Metzer – I giovani e le sfide della digitalizzazione: occorre essere sempre aggiornati e non dare nulla per scontato o acquisito

  • 4
    PIANIFICAZIONE

    Castione, l’ultimo tassello per le scuole

    Il Comune intende acquistare l’unico fondo privato all’interno del perimetro del futuro comparto scolastico da 25 milioni - «Se non lo rileviamo noi finirà nelle mani di imprenditori che edificheranno appartamenti»

  • 5
  • 1