Anticorpi monoclonali usati per la prima volta in Ticino

pandemia

Garzoni: «Un’arma in più contro i decorsi gravi» - Nei pazienti a rischio la terapia farmacologica riduce la probabilità di una progressione severa ma occorre agire per tempo

Anticorpi monoclonali usati per la prima volta in Ticino
© CdT/Gabriele Putzu

Anticorpi monoclonali usati per la prima volta in Ticino

© CdT/Gabriele Putzu

Gli anticorpi monoclonali sono arrivati in Ticino e la prima dose è già stata somministrata. A darne notizia con un tweet, negli scorsi giorni, è stato il medico cantonale Giorgio Merlani. Il tenore del cinguettio, più o meno, era questo: «Ho appena sentito il dottor Christian Garzoni che alla clinica Moncucco ha trattato il primo paziente COVID con gli anticorpi monoclonali». Una prima a livello cantonale. Al messaggio seguiva una fotografia del farmaco e il commento seguente: «Un’ulteriore arma in campo per i pazienti altamente selezionati».

Nelle scorse settimane l’Ufficio federale della sanità pubblica aveva infatti annunciato l’acquisto da parte della Confederazione di 3 mila dosi di anticorpi monoclonali di ultima generazione. Dosi che nel frattempo sono state distribuite ai cantoni; e...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Una perizia scagiona il picchiatore di Gordola

    Locarnese

    L’analisi dell’esperto commissionata dalla presidente della Corte d’Appello Roggero-Will stabilisce che la morte del 44.enne del Mendrisiotto nell’aprile del 2017, deceduto a causa della caduta seguita alle percosse subite dall’imputato all’uscita di una discoteca, sarebbe dovuta a cause naturali

  • 3

    Zanini contro l’MPS, ma il reato non c’è

    EX MACELLO

    Il movimento guidato da Pino Sergi aveva scritto che la municipale era sul posto, la notte dei fatti, per «indicare quali immobili demolire» - La politica socialista, che ha sempre negato, ha reagito con una denuncia per diffamazione - La Procura ha emesso un non luogo a procedere

  • 4

    Tutto fermo alla Santa Chiara

    Locarno

    Dopo l’annullamento dell’assemblea, il Consiglio d’amministrazione in carica ha ottenuto decisioni giudiziarie che impediscono ogni modifica dei vertici dell’istituto di cura

  • 5

    «Aggrediti dal branco»

    Mendrisio

    Sette feriti, fra cui sei poliziotti, negli scontri dell’altra notte fra le forze dell’ordine e una ventina di giovani nel parco di Villa Argentina – Due persone in manette – Samuel Maffi: «Inquietano le modalità brutali dell’assalto ai nostri agenti»

  • 1
  • 1