Ars Medica e Sant’Anna, personale vaccinato all’80%

Coronavirus

Lo comunica il gruppo Swiss Medical Network, specificando che dall’inizio della pandemia non si è registrata alcuna trasmissione del virus fra collaboratori e pazienti

Ars Medica e Sant’Anna, personale vaccinato all’80%
© CdT/Gabriele Putzu

Ars Medica e Sant’Anna, personale vaccinato all’80%

© CdT/Gabriele Putzu

Oltre l’80% dei collaboratori delle cliniche Ars Medica e Sant’Anna si è vaccinato, assicurando una sempre maggiore protezione di tutti i pazienti e visitatori. Lo comunica l’ufficio stampa del gruppo Swiss Medical Network.

La diffusione della variante Delta, si legge nella nota, riaccende il dibattito sull’eventuale obbligo di immunizzare chi lavora a stretto contatto con pazienti e persone fragili.

«Troppi, tra coloro che lavorano in ambito sanitario, non sono ancora vaccinati. E questo può rappresentare un rischio in vista dell’autunno, soprattutto con la variante Delta in circo-lazione». A dirlo, lo scorso fine settimana, era stato il consigliere federale Alain Berset. Un allarme che non trova per fortuna conferma nelle cliniche del gruppo Swiss Medical Network in Ticino, dove il personale medico e infermieristico ha risposto positivamente alla campagna vaccinale.

La percentuale del personale immunizzato in Clinica Ars Medica e in Clinica Sant’Anna si attesta all’82%, tendenza in crescita.

Presso le cliniche di Swiss Medical Network non vi è alcun obbligo generalizzato di vaccinazione specifica contro il coronavirus, fa sapere il gruppo. «La vaccinazione è fortemente raccomandata, ma resta volontaria tenuto anche conto dell’elevato tasso di adesione alle differenti campagne vaccinali all’interno delle nostre cliniche».

E ancora: «Monitoriamo attentamente l’evoluzione della situazione in stretta collaborazione con i direttori sanitari delle cliniche. Continuiamo ad attenerci scrupolosamente a tutte le misure di prote-zione e igiene, sostenendo il concetto di SAFE CLINIC in vigore in tutte le cliniche del gruppo a livello nazionale dal marzo 2020. Dall’inizio della pandemia non si è registrata alcuna trasmissione del virus fra collaboratori e pazienti».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Si prende a coltellate alla dogana di Chiasso

    Confine

    È successo questa sera al confine: l’uomo si è inflitto ferite alle gambe, alle braccia e alla pancia - Avrebbe anche minacciato i finanzieri, è stato portato via in ambulanza

  • 2

    «Opere pubbliche, serve più velocità»

    Biasca

    La Commissione della Gestione invita il Municipio a non far passare troppo tempo tra la richiesta dei crediti di progettazione e quelli di costruzione - Occhio anche ai preventivi

  • 3

    Gobbi: «Avremmo voluto di più»

    la reazione

    Il consigliere di Stato ticinese commenta la decisione di Berna di non estendere l’obbligo del test negativo per chi si muove a cavallo della frontiera

  • 4
  • 5

    Turismo, dai timori fino al «boom»

    Economia

    Il settore ha stilato un bilancio del periodo post-pandemia molto positivo, con i pernottamenti che nei mesi estivi del 2021 registrano un aumento notevole rispetto al 2019 (+30,9%) - E ora si guarda al futuro

  • 1
  • 1