Aspettando Halloween, il Natale di colpo è già tra noi

commerci

Sui banchi dei supermercati hanno già fatto capolino gli addobbi natalizi – Già scalzate le tipiche decorazioni autunnali – Un’esposizione in anticipo rispetto alla tradizione – Un altro effetto della pandemia? L’esperto: «Si anticipa per vendere prima, non per forza di più»

Aspettando Halloween, il Natale di colpo è già tra noi
© CdT/Gabriele Putzu

Aspettando Halloween, il Natale di colpo è già tra noi

© CdT/Gabriele Putzu

Esperienza personale, della serie: pensavo fosse amore, invece era un calesse. Cercavo, senza qui vantarmene, un soprammobile a forma di gufo. Massì, un segno dell’autunno da aggiungere a finte foglie secche e alla classica piantina di peperoncini arancioni. Lo cercavo in uno dei nostri supermercati, sicuro di trovarlo. Già, non fosse che per molti già siamo a Natale. È iniziato quel periodo dell’anno, quello degli addobbi natalizi. La corsa ai regali? Mah. A quello in fondo servono gli addobbi, a stimolare l’acquisto e l’esperienza a esso legata. Un’esperienza che porta ad altri acquisti, a una gioia che si trasforma in circolo. Circolo vizioso o virtuoso, be’, quello dipende dal punto di vista.

Un po’ di storia

Michele Costabile è professore di marketing all’università LUISS di Roma. È direttore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
  • 3

    L’importanza degli operatori di strada in Malcantone

    Sostegno

    L’inclusione dei giovani all’interno della società è l’obiettivo primario di Prometheus, associazione attiva nella regione – Il presidente: «Ci adoperiamo per un rilevamento precoce di eventuali difficoltà» – Da progetto pilota ora punta a diventare servizio regionale

  • 4

    C’è l’accordo coi contadini per la centrale a biogas a Stabio

    Energia

    Gli agricoltori del distretto forniranno scarti, liquami e letame per ricevere in contropartita prodotti fertilizzanti naturali – Partirà l’anno prossimo la costruzione dell’impianto che sarà operativo nel 2023 – Corrado Noseda: «Sono in corso trattative per ricevere e lavorare anche i residui alimentari»

  • 5

    Rifiuti, raccolta separata più ordinata e controllata

    Biasca

    Previsto un investimento di 800.000 franchi per la riorganizzazione dell’ecocentro e degli ecopunti con l’installazione di impianti per la videosorveglianza – Si valuta anche l’introduzione di una carta cliente che potrà essere utilizzata pure per accedere ad altri servizi per la cittadinanza

  • 1
  • 1