Autogestione, slitta ancora la firma del rapporto (unico)

politica

La Commissione sanità e sicurezza sociale è orientata verso un solo rapporto che invita il Cantone a fare la sua parte per trovare una sede alternativa su tutto il territorio cantonale

Autogestione, slitta ancora la firma del rapporto (unico)
© CdT/ Chiara Zocchetti

Autogestione, slitta ancora la firma del rapporto (unico)

© CdT/ Chiara Zocchetti

Ancora un nulla di fatto in Commissione sanità e sicurezza sociale sul tema dell’autogestione al Macello. Come già accaduto due settimane fa, è nuovamente slittata la decisione su una mozione del 2012 che chiede un intervento più deciso da parte del Cantone nel trovare una soluzione alternativa agli spazi attualmente occupati a Lugano. L’atto parlamentare inoltrato da Fabio Schnellmann (PLR), Roberto Badaracco (PLR) e Gianrico Corti (PS) - lo ricordiamo - chiede al Cantone «di individuare gli spazi definitivi adeguati, con tutte le normative del caso, da adibire a Centro Sociale autogestito cantonale».

Inizialmente il gremio politico presieduto da Massimiliano Robbiani (Lega) stava lavorando su due rapporti: uno del relatore Raoul Ghisletta (PS), che proponeva l’introduzione di un mediatore allo scopo di trovare uno spazio adeguato, ma in ogni caso nel Luganese, e uno di Tiziano Galeazzi (UDC), che chiedeva invece al Cantone di estendere la ricerca del nuovo spazio a tutto il territorio ticinese. La firma, come detto, era attesa per l’11 marzo scorso ma i commissari avevano preferito attendere la decisione del Municipio di Lugano su un eventuale sfratto. Decisione poi arrivata la settimana successiva, il 18 marzo.

La Commissione si era quindi orientata su un rapporto unico, a firma dell’insolita alleanza tra UDC e PS. In buona sostanza, il rapporto Galeazzi-Ghisletta prevede la figura del mediatore e la ricerca degli spazi alternativi su tutto il territorio cantonale. Questa mattina qualche commissario era già pronto alla firma, ma da più parti è arrivata la richiesta di discuterne ulteriormente in seno a vari gruppi. Se ne riparlerà dunque tra sette giorni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Teatro e Musei sotto esame a Bellinzona

    Cultura

    La minoranza della Commissione della Gestione, formata da Lega e UDC, chiede un approccio maggiormente dinamico e trasparente nella conduzione operativa dei due enti autonomi

  • 2

    Le direttive del pg verranno pubblicate

    giustizia

    In futuro, documenti quali istruzioni, regolamenti di servizio e circolari saranno resi accessibili «ponderando gli interessi pubblici e privati» e in base alla competenza discrezionale del Ministero pubblico – Una richiesta in tal senso era stata avanzata in una mozione del PLR

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4
  • 5

    Promessa mantenuta: il negozietto riapre

    Castel San Pietro

    Il commercio in centro paese chiuso all’improvviso a inizio maggio riprende l’attività lunedì - Il Comune reputa il servizio indispensabile e si è adoperato per trovare dei nuovi gerenti - La sindaca Alessia Ponti: «Questa è anche una sorta di promessa sociale alla comunità»

  • 1
  • 1