logo

Plebiscitata la fusione in Mesolcina

L'unione tra Grono, Leggia e Verdabbio approvata a larghissima maggioranza

fotogonnella
La sede amministrativa del nuovo Comune sarà a Grono.
 
29
novembre
2015
11:22

GRONO - Il progetto di aggregazione tra Grono, Leggia e Verdabbio è stato plebiscitato dalla popolazione dei tre Comuni. A Grono, dove la partecipazione al voto è stata del 74%, i sì sono stati 336 contro 85 no; a Leggia (70% di partecipazione all'assemblea comunale) il progetto ha raccolto 61 adesioni, mentre i voti contrari sono stati 11; ancora più ampio il consenso a Verdabbio (partecipazione del 66%) con 65 sì contro 4 no. Ora il progetto di aggregazione, cui il Consiglio di Stato ha assicurato un sostegno finanziario di poco inferiore ai 6 milioni di franchi, passerà al vaglio del Gran Consiglio retico, verosimilmente nella sessione della prossima primavera. La nascita del nuovo Comune di Grono è prevista il 1. gennaio 2017. Raggiante il sindaco di Grono Samuele Censi che ha parlato di "un giorno storico non solo per i tre Comuni che hanno deciso di unirsi, ma anche per l'intera Mesolcina". L'auspicio del sindaco, che ricopre anche la carica di presidente della Regione, è che il voto di domenica possa smuovere le acque nel resto della vallata.

Articoli suggeriti

L`appello di Coira: "Cari mesolcinesi, dovete unirvi"

Per il Governo la fusione fra Grono, Leggia e Verdabbio dev'essere soltanto il primo passo verso una valle finalmente compatta

Edizione del 21 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top