logo

Un intero villaggio è sotto choc

La comunità di Sonogno è incredula per la morte del ragazzo di 11 anni rimasto ferito a Osogna

CdT
 
12
luglio
2018
06:00
SIBER/ADD

SONOGNO - Una tranquilla comunità di valle dove la vita normalmente scorre senza scossoni è sotto choc per la tragica perdita di un suo membro nel fiore degli anni. Paese di un'ottantina di anime dove tutti si conoscono e si frequentano quotidianamente, Sonogno è incredulo per la morte del ragazzo di 11 anni rimasto vittima di un grave incidente lunedì poco prima delle 16 al «Pozzon» di Osogna mentre stava cercando di tuffarsi nelle acque del torrente Nala: arrampicatosi sulle rocce con l'intenzione di lanciarsi nel pozzo come molti suoi coetanei fanno abitualmente in quel luogo di pace e refrigerio, era caduto da un'altezza di sei metri andando a colpire la parete.

Trasferito a Basilea in condizioni disperate nel tentativo di salvargli la vita, il bambino è purtroppo deceduto. La terribile notizia è giunta ieri mattina in Ticino. «Qui il clima è surreale e sinceramente non ci rendiamo ancora conto dell'accaduto», racconta dal grotto che gestisce in paese Luca Prat quando lo raggiungiamo telefonicamente per chiedere un ricordo del giovane. L'11.enne abitava con la mamma e le sorelle a Sonogno da almeno una decina d'anni, ci dicono. Di origine romanda, aveva frequentato le Elementari proprio nel villaggio per poi proseguire le scuole alle medie di Brione Verzasca dove era iscritto tuttora. «L'ho saputo stamattina e sono anch'io incredulo - afferma il sindaco di Sonogno Renato Patà - Purtroppo non si può più fare niente e la notizia è terribile, la famiglia è ben radicata nel nostro Comune e sicuramente tutti ricordano il ragazzo la cui perdita lascerà un grande vuoto». L'inchiesta è coordinata dalla Magistratura dei minorenni che potrebbe ordinare ulteriori approfondimenti tecnico-scientifici con l'obiettivo di chiarire la dinamica del dramma.

Prossimi Articoli

Manager morto a Milano, ritrovato il trans

Individuato e interrogato dalla Squadra Mobile, era scomparso da gennaio: nel suo appartamento era stato ritrovato senza vita un 55.enne residente a Giubiasco

Cade mentre vernicia l'asta della bandiera

Un 78enne domiciliato nel Luganese ha riportato gravi ferite: dopo aver perso conoscenza è riuscito comunque a dare l'allarme

Chiude lo storico bar Galleria

Bellinzona perde il locale di via Codeborgo, ritrovo per eccellenza dei giovani negli anni Novanta - Gli attuali gestori: "L'affitto è troppo alto"

Edizione del 18 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top