Acquisto Hotel Alpina, si va alle urne

Airolo

Riuscita la raccolta di firme contro il credito di 3,7 milioni votato dal Consiglio comunale

 Acquisto Hotel Alpina, si va alle urne
Le intenzioni del Municipio sono di affittare l’albergo all’USTRA che dal 2020 vi vuole alloggiare gli operai impegnati nei lavori di costruzione del secondo tubo della galleria stradale del San Gottardo. (Foto Internet)

Acquisto Hotel Alpina, si va alle urne

Le intenzioni del Municipio sono di affittare l’albergo all’USTRA che dal 2020 vi vuole alloggiare gli operai impegnati nei lavori di costruzione del secondo tubo della galleria stradale del San Gottardo. (Foto Internet)

AIROLO - È riuscita la raccolta contro la decisione adottata a maggioranza (19 voti favorevoli e due contrari) dal Consiglio comunale di Airolo il 30 aprile scorso di concedere al Municipio un credito di 3,7 milioni di franchi per l’acquisto dell’Hotel Alpina. Le firme valide consegnate alla cancelleria comunale sono 177, dunque superiori ai quorum del 15% dei cittadini iscritti in catalogo. La votazione popolare, annuncia l’Esecutivo airolese prendendo atto della riuscita della domanda di referendum, sarà fissata prossimamente. Toccherà dunque alla popolazione decidere se l’albergo, chiuso ormai da due anni potrà passare di mano dagli attuali proprietari al Comune. Quest’ultimo intende affittarlo, per almeno dieci anni a un canone annuo di 290.000 franchi all’Ufficio federale delle strade (USTRA) che vi vuole ricavare gli alloggi per duecento operai che dal 2020 saranno impiegati nella costruzione del secondo tubo della galleria stradale del San Gottardo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Quella naturalizzazione che fa discutere

    IL CASO

    Il Legislativo di Giornico dovrà chinarsi nuovamente sulla domanda presentata da una donna - Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di quest’ultima contro la prima decisione negativa del plenum del Comune bassoleventinese

  • 2
  • 3

    La Posta tra panetteria e Denner

    Servizio pubblico

    Individuati i partner che prenderanno in gestione le agenzie di Cadenazzo e Lumino dopo la chiusura dei due uffici: per il primo Comune si procede già entro fine anno, per il secondo verosimilmente all’inizio del 2020

  • 4

    «Le scuse della SUVA non ci bastano»

    IL CASO AMIANTO

    Primo incontro fra i rappresentanti degli operai delle Officine FFS di Bellinzona e i vertici dell’assicurazione infortuni - I sindacati esigono le liste aggiornate dei collaboratori a rischio e del materiale che potrebbe ancora contenere la pericolosa sostanza

  • 5

    Amianto, le FFS rassicurano i collaboratori

    Officine

    Le Ferrovie federali tornano sui rischi corsi dal personale bellinzonese di cui si è nuovamente parlato negli ultimi tempi: «La problematica è nota e la sicurezza ha la priorità»

  • 1
  • 1