Ai pipistrelli non piace la movida

Bellinzona

Molto frequentata in estate, la golena è protetta e non può ospitare eventi prolungati e strutturati - Rumore e luce disturberebbero gli equilibri ecologici secondo il Cantone che ha messo il veto alla proposta di un promotore - Ma il Comune pensa ad una via di mezzo

Ai pipistrelli non piace la movida
Specie protetta e diffusa nella golena bellinzonese, soffre particolarmente la baldoria.

Ai pipistrelli non piace la movida

Specie protetta e diffusa nella golena bellinzonese, soffre particolarmente la baldoria.

Sfruttare la golena di Bellinzona per offrire un’ulteriore animazione estiva a popolazione e turisti. È l’idea venuta a varie persone soprattutto dopo il lockdown, quando in molti hanno scoperto o riscoperto il piacere (quando non la necessità) di stare nella natura. Un’idea che un promotore locale ha proposto alla Città la scorsa primavera, con un concetto che avrebbe visto l’organizzazione di eventi su più mesi (e che come vedremo era stata anche suggerita tramite una mozione in Consiglio comunale). Tuttavia il dettagliato concetto messo sul tavolo del Municipio dal privato non ha potuto essere sviluppato lungo il fiume perché, in sostanza, il Cantone ha posto il proprio veto da un punto di vista sia materiale che legale. Da un sopralluogo a cui hanno partecipato i rappresentanti del Comune...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    «Bellinzona è più triste senza Rabadan»

    Il reportage

    Il comitato carnevale più importante della Svizzera italiana ha fatto saltare l’edizione numero 159 — Viaggio nelle voci della capitale ticinese: «Scelta legittima e comprensibile. Però ci dispiace, la Città sembra già più spenta» — «L’evoluzione della pandemia preoccupa, impossibile pensare di festeggiare in questo periodo»

  • 2

    Il villaggio natalizio apre all’insegna delle due «g»

    Bellinzona

    Sulla base delle disposizioni odierne del Governo federale contro la nuova ondata pandemica, il Municipio della capitale ha deciso che l’accesso alla tensostruttura sarà consentita solo a chi è vaccinato o è guarito dal coronavirus - Inoltre per mercati e mercatini torna la mascherina obbligatoria

  • 3
  • 4

    «Un agire spregiudicato e reiterato»

    SENTENZA

    Condannato a 2 anni e 6 mesi di detenzione sospesi l’ex direttore della società che gestiva la vecchia area autostradale di Stalvedro – Il giudice Amos Pagnamenta: «Si è macchiato di una colpa grave»

  • 5

    «Ha agito in modo subdolo ed egoistico»

    Processo

    Il procuratore pubblico Claudio Luraschi ha chiesto 2 anni e 9 mesi di detenzione per l’ex direttore della società che gestiva la vecchia area di servizio di Stalvedro: «La sua colpa è grave» – La difesa non ci sta: «È un uomo solo e distrutto. I controlli sono stati lacunosi»

  • 1
  • 1