Amianto alle Officine: «Ora vogliamo chiarezza»

Il caso

Gli operai di Bellinzona sono disorientati sui controlli medici a cui sottoporsi: Ci si chiede se sia sufficiente una TAC o se servano altri esami per diagnosticare eventuali malattie - Spiazzati anche i rappresentanti sindacali

Amianto alle Officine: «Ora vogliamo chiarezza»
© CdT/Archivio

Amianto alle Officine: «Ora vogliamo chiarezza»

© CdT/Archivio

È sufficiente una TAC o è necessaria anche una PET? Oppure ancora è necessario sottoporsi ad altri esami? E chi li paga? Sono tante le domande che in questi giorni si stanno ponendo i lavoratori delle Officine FFS di Bellinzona dopo che la SUVA ha scritto ad alcuni di loro per invitarli a monitorare il proprio stato di salute perché il rischio di aver sviluppato un cancro ai polmoni è da considerarsi elevato a seguito dell’esposizione all’amianto contenuto nei vagoni sottoposti a manutenzione in passato nello stabilimento industriale cittadino. E proprio alla SUVA i lavoratori delle Officine FFS di Bellinzona chiedono trasparenza e chiarezza, appunto, a proposito di quale tipo di esame è necessario sottoporsi per sapere se l’esposizione prolungata alle polveri di amianto abbia o meno causato lo sviluppo di una forma di tumore al polmone. Richieste di chiarezza e trasparenza delle quali si fanno portavoce la Commissione del personale ed i rappresentanti sindacali; nella riunione di ieri mattina quello dell’amianto è stato evidentemente il tema in cima alla lista.

In cerca di risposte

Non essendo medici, rappresentanti degli operai e sindacalisti a loro volta si trovano spiazzati dalle informazioni diffuse negli ultimi giorni dalla SUVA che in un primo tempo ha dichiarato che nessun operaio delle Officine di Bellinzona era deceduto a causa di un tumore riconducibile all’esposizione all’amianto, per poi ammettere che alcuni decessi sono effettivamente dovuti a questa causa. Come abbiamo riferito nell’edizione di ieri, tra il 1980 ed il 1990 quattro operai delle Officine FFS ed un macchinista persero la vita con tutta probabilità a seguito dell’esposizione all’amianto. In tempi più recenti, altri 5 operai che avevano lavorato nel sito industriale bellinzonese sarebbero morti a per dei tumori insorti a causa del contatto con l’amianto.

«Avete dubbi? Fatevi avanti»

In attese di risposte più chiare dalla SUVA e degli specialisti che invitano a prendere posizione, i rappresentanti del personale ed i sindacalisti fanno appello a tutti i dipendenti delle Officine che hanno il dubbio di essere stati esposti all’amianto a farsi avanti così da potersi sottoporre agli esami medici necessari.

Intanto alla luce delle testimonianze riportate dai media, il Ministero pubblico ha dato avvio a una raccolta di informazioni preliminari per chiarire se alle Officine siano state adottate tutte le misure necessarie a tutela dei dipendenti impegnati nei lavori su carrozze contenenti amianto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    «Paura? No, e poi senza mercato non si può stare»

    BELLINZONA

    Dopo quasi tre mesi di pausa forzata è tornato il tradizionale appuntamento del sabato nella Turrita - Le bancarelle in piazza del Sole, una decina, sono la grande novità - Numerosi i cittadini, anche se il pienone è solamente un ricordo - FOTO e VIDEO

  • 2

    «Siamo soddisfatti, e il Municipio ci ascolta»

    VOCE AI QUARTIERI

    A un anno dalla costituzione è positivo il bilancio dell’associazione dell’ex Comune di Camorino - «Le preoccupazioni principali riguardano il traffico parassitario, l’ordine pubblico ed il littering»

  • 3

    Vuoi andare a cena? Ti diamo 20 franchi

    SERRAVALLE

    Lodevole azione del Municipio dell’ente locale bleniese per favorire il rilancio del settore della ristorazione duramente colpito dall’emergenza sanitaria

  • 4

    In autunno i rifiuti... cadono come foglie

    BELLINZONA

    Nel 2019 ottobre è stato il mese che ha fatto registrare il maggior quantitativo smaltito fra la spazzatura delle economie domestiche, gli ingombranti, il vetro e gli scarti vegetali - Complessivamente sono state consegnate circa 22.000 tonnellate di immondizia

  • 5
  • 1
  • 1