«Anche le politiche migratorie pesano sullo stallo demografico»

L’intervista

Per Bellinzona solo dieci abitanti in più a fine 2020: ma il sindaco Mario Branda non è preoccupato, invita a valutare il fenomeno sul lungo termine e mette sul tavolo altre chiavi di lettura - Effetto AlpTransit in ritardo? «Sapevamo che i cambiamenti non si sarebbero verificati dall’oggi al domani»

«Anche le politiche migratorie pesano sullo stallo demografico»
Mario Branda, sindaco di Bellinzona dal 2012. ©CdT/Archivio

«Anche le politiche migratorie pesano sullo stallo demografico»

Mario Branda, sindaco di Bellinzona dal 2012. ©CdT/Archivio

La capitale non cresce più. A fine 2020 nella nuova Bellinzona abitavano 44.056 persone, solo 10 in più rispetto a 12 mesi prima. Occorre preoccuparsi? Non secondo il sindaco, che contestualizza il dato e suggerisce una visione di medio-lungo termine.

Mario Branda, come reagisce di fronte a questo stallo?«Premetto che i trend demografici devono essere valutati su più anni. Devo poi aggiungere che, rispetto agli altri centri urbani, Bellinzona non sta perdendo popolazione, risultando essere perlopiù stabile. Anzi: sull’arco di più anni ha vissuto un incremento, e rimane ora sopra i 44.000 abitanti. Nel 2020 vi è inoltre stato un deciso aumento dei decessi, supponiamo legato alla pandemia. Se non vi fosse stato questo fattore, avremmo magari anche avuto una crescita, anche se è vero che il saldo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    «Alle Officine di Bellinzona si rischia l’effetto-domino»

    Ferrovia

    La Commissione del personale dello stabilimento torna a contestare la prevista dismissione anticipata della manutenzione dei carri merci temendo una grossa perdita di lavoro nonostante i nuovi incarichi - Intanto si chiede ancora che la direzione aziendale fornisca il piano industriale concernente la futura sede di Castione - D’accordo con il Consiglio di Stato si programma un incontro tre le parti

  • 5

    Rissa tra giovani: si cercano l’arma e il movente

    IL CASO

    Giubiasco, gli inquirenti sono al lavoro ininterrottamente per chiarire quanto capitato in via Linoleum - L’alterco sarebbe scoppiato per questioni di soldi - Un terzetto ha affrontato l’altro e poi è spuntato un oggetto contundente, verosimilmente una mazza

  • 1
  • 1