«Aperitivi e panini al Parco fluviale? Perché no»

Bellinzona

Mozione di Michela Pini, Sabina Calastri ed Andrea Cereda per la posa di bar provvisori nella zona della golena

«Aperitivi e panini al Parco fluviale? Perché no»
Prima tappa dei lavori conclusa. © Città di Bellinzona

«Aperitivi e panini al Parco fluviale? Perché no»

Prima tappa dei lavori conclusa. © Città di Bellinzona

Prevedere, favorire o autorizzare la posa di strutture amovibili (bar e relativo arredo) sulla riva del fiume Ticino durante la bella stagione, affidandone la gestione a terzi, privati o iniziative sociali. Questa la proposta avanzata dai consiglieri comunali di Bellinzona Michela Pini, Sabina Calastri ed Andrea Cereda affinché il Parco fluviale diventi ancor più una zona attrattiva di incontro e di svago per la popolazione e per i turisti che visitano la Turrita a tutte le ore del giorno e in particolare in quelle serali. «La creazione di queste strutture permetterebbe inoltre di meglio distribuire gli avventori, convogliando una parte di persone in un luogo esterno al centro Città» scrivono i tre rappresentanti del PLR nella mozione depositata venerdì. «Un effetto - precisano - sarebbe dunque anche quello di diminuire il disturbo e il rumore in questa zona, che sappiamo essere una problematica che si ripresenta ogni qual volta si tratta di proporre o pianificare momenti aggregativi e manifestazioni (ma cui viene anche dato troppo peso)». Insomma, grazie alla prima tappa dei lavori per la creazione del Parco fluviale la sponda del Ticino verso la Città è diventato un luogo ideale dove trascorrere il proprio tempo libero e godere di momenti di relax. Se poi si potrà avere anche la possibilità di gustare uno spuntino e bere un aperitivo, reputano i tre consiglieri comunali liberali radico, l’attrattiva della zona golenale sarà ancora maggiore.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Ci si sposa sempre meno, ma il sì ai castelli è da fiaba

    Bellinzona

    Nel 2020 sono diminuite sia le nozze sia le cerimonie di rito civile gestite direttamente dai servizi comunali - Il Sasso Corbaro e la sala del Municipio restano le cornici preferite - Attenzione, però: i divorzi sono in costante aumento

  • 3
  • 4

    Eventi comunali in tempo di pandemia: «Ecco come ci siamo mossi»

    Leventina

    Le proposte di Faido per un’estate attiva benché ancora segnata da alcune restrizioni: piani di protezione elaborati insieme all’hotline cantonale - L’obiettivo del cartellone di proposte? «Offrire momenti di spensieratezza e far conoscere la nostra realtà»

  • 5

    «Ma per i giovani la Città cosa sta facendo?»

    INTERPELLANZA

    Bellinzona: secondo il gruppo Verdi-MPS in Consiglio comunale la commissione consultiva nella prima legislatura non ha dimostrato «tutta la sua utilità e potenzialità, e questo principalmente per la mancanza di volontà, idee e obiettivi chiari da parte del Municipio»

  • 1
  • 1