Arbedo-Castione come Paperone

Sorpresa nelle casse del Comune non aggregato: l'avanzo del Preventivo 2018 lievita da 10.500 a 450.000 franchi - Mentre non ci sono buone notizie per le scuole: ricorso al Governo contro la variante di PR

Arbedo-Castione come Paperone
Tuffo dorato.

Arbedo-Castione come Paperone

Tuffo dorato.

Arbedo-Castione come Paperone
Le scuole contestate.

Arbedo-Castione come Paperone

Le scuole contestate.

ARBEDO-CASTIONE - Le casse di Arbedo-Castione quasi come la piscina piena di dollari d'oro di zio Paperone. Rima a parte, a sorpresa la situazione finanziaria del Comune ha subito un netto miglioramento negli ultimi mesi, dovuto in particolare alle maggiori sopravvenienze fiscali. L'avanzo ipotizzato nel Preventivo 2018 è letteralmente lievitato: da 10.500 franchi a 450.000. Il Municipio, data per scontata l'approvazione del Legislativo, investirà quasi completamente il «tesoretto» in interventi che erano stati precedentemente rinviati o sospesi per mancanza di liquidità e in opere il cui inizio non può più essere rimandato. Ottime notizie dai conti (con moltiplicatore al 91%), ma decisamente meno per quanto riguarda il futuro comparto scolastico di Castione. Come appreso ieri dal Corriere del Ticino, contro la variante di Piano regolatore attualmente in pubblicazione verranno inoltrati dei ricorsi al Consiglio di Stato da parte di cittadini contrari al progetto, ritenuto troppo invasivo del paesaggio (si veda più avanti).

Imposte alla fonte: che sorpresa

A un anno e mezzo dal no all'aggregazione con la nuova Bellinzona, Arbedo-Castione sembra pertanto essere in grado di camminare con le proprie gambe. L'Esecutivo guidato dal sindaco Luigi Decarli è comunque consapevole di dover attuare una politica accorta, di doversi comportare come la formica nella favola di Esopo: accumulare, se possibile, della liquidità per degli eventuali periodi bui, e non fare la cicala voracemente poco avveduta. Inatteso è così giunto il regalo delle sopravvenienze fiscali, che passano da 250.000 a 460.000 franchi a seguito del conteggio del Cantone per l'accertamento delle imposte 2015. L'incremento maggiore arriva dalle persone fisiche (da 150.000 a 320.000), mentre per quelle giuridiche il balzo è più contenuto (la stima di 100.000 è salita a 140.000).

Quel muro che continua a dividere

Allacciandoci a quanto appena scritto, continuiamo a parlare di scuole. E, meglio, del comparto che vedrà la luce nel 2020-2021 a Castione attraverso l'accorpamento, sotto un unico tetto, dell'asilo e delle medie per un investimento di circa 25 milioni di franchi. Alcuni cittadini appartenenti all'Associazione per il miglioramento ambientale del quartiere (AMICA) sono intenzionati a ricorrere al Governo contro la variante pianificatoria. Contestano non la necessità di un moderno istituto, ma il progetto denominato «Se ci fosse la luna si potrebbe cantare» che è caratterizzato da una parete alta 12,5 metri e lunga 200 che è destinata a togliere il sole alle abitazioni situate lungo la Carrale di Bergamo, al confine con Lumino.Ricordiamo che contro il futuro complesso, come anticipato dal CdT il 24 luglio, è tuttora pendente sempre al Consiglio di Stato un altro ricorso dell'AMICA. Stavolta contro il credito da 630.000 franchi per la progettazione della prima tappa approvato dal Legislativo arbedese a fine maggio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    Il programma

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 2
    Territorio

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 3
  • 4
  • 5
    RICORRENZA

    Un film lungo 30 anni che appassiona la valle

    Il 6 dicembre prossimo festeggerà tre decenni il Cinema Leventina di Airolo: per l’occasione entrata gratuita a due film nel weekend - Ma le prime proiezioni in alta Leventina risalgono addirittura al 1937

  • 1