Assistenza, «Giornico è il Bengodi?»

INTERPELLANZA

Il consigliere comunale indipendente Donatello Poggi torna a chiedere lumi al Municipio sui casi e sulla linea adottata dall’autorità sul tema: «La percentuale si aggira attorno al 10%, non è un buon indicatore»

Assistenza, «Giornico è il Bengodi?»
L’ex granconsigliere.

Assistenza, «Giornico è il Bengodi?»

L’ex granconsigliere.

GIORNICO - Assistenze «facili»: Donatello Poggi torna alla carica. Il consigliere comunale indipendente di Giornico ha inoltrato un’interpellanza al Municipio attraverso la quale, in sostanza, chiede i dati e la linea dell’autorità sul tema.

«Si ha l’impressione che Giornico stia diventando il Comune del Bengodi per quanto riguarda le assistenze pubbliche (sociali). Scrivo questo poiché, gente in assistenza (anche parecchio giovane) e trasferitasi a Giornico di recente, è stata chiamata dall’amministrazione comunale per svolgere dei lavori nella squadra esterna e dopo 2-3 giorni ha rinunciato o, peggio ancora, è andata in infortunio», rileva il consigliere comunale e già deputato. Donatello Poggi aggiunge che il Municipio «può (e deve) prendere dei provvedimenti verso chi, in assistenza pubblica, non si comporta come dovrebbe: parlo di richiami, segnalazioni documentate all’Ufficio cantonale competente, controlli ‘visivi’ (verifiche) e riscontri palesi. Poi c’è l’evidenza: ci sono infatti dei Comuni con una percentuale bassissima di gente in assistenza pubblica (forse più severi e ligi?) mentre in altri la percentuale sale di molto». Nell’ente locale bassoleventinese, sempre secondo Poggi, «la percentuale di persone in assistenza sommata a quella dei richiedenti l’asilo si aggira attorno al 10%. Non è un buon indicatore».

Il consigliere comunale indipendente chiede all’Esecutivo quanti sono i casi di assistenza e quanti quelli di persone arrivate negli ultimi 18 mesi a Giornico già in assistenza. «L’amministrazione comunale ha effettuato dei richiami o dei ‘solleciti’ negli ultimi tempi verso assistiti? Sono state fatte segnalazioni, in questo ambito, all’Ufficio cantonale competente? Se sì, quante negli ultimi 12 mesi?», domanda Poggi. Il quale vuole infine conoscere «la linea del Municipio in merito al tema» e se non è il caso di «cambiare atteggiamento».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Vede la luce il primo nido d’infanzia della Riviera

    Socialità

    Il servizio di cui oggi il Distretto è sprovvisto comincerà l’attività il prossimo mese di aprile nel nuovo stabile patriziale in costruzione a Lodrino - Il Comune sosterrà l’attività gestita dall’Associazione Il Carillon

  • 2

    «Non si può morire di lavoro»

    OFFICINE FFS

    Amianto nello stabilimento industriale di Bellinzona: la Commissione del personale presenta ulteriori rivendicazioni - L’avvocato Giovanni Cianni: «Il datore che non informa i dipendenti sui potenziali pericoli è colpevole»

  • 3
  • 4

    Inferno nella galleria Val del Infern

    Valle Calanca

    Martedì sera si è svolta un’esercitazione di pronto intervento per affinare tecniche e collaborazione fra soccorritori - FOTO E VIDEO

  • 5

    Ecco come sarà la Bellinzona del futuro

    Nel 2030

    La Città sarà veramente... nuova grazie ai progetti strategici in programma nei prossimi dieci anni - Fra le opere previste la realizzazione della sede dell’IRB, l’ospedale regionale ai Saleggi, il futuro comparto al posto delle Officine FFS ed il terzo binario - LE IMMAGINI

  • 1
  • 1