Battaglia giudiziaria per 50 franchi

Il TRAM dà infine ragione a un abitante di Quinto che si è sempre rifiutato di pagare il contributo per la posa dei numeri civici

Battaglia giudiziaria per 50 franchi

Battaglia giudiziaria per 50 franchi

BELLINZONA – Da anni al centro di un braccio di ferro giudiziario tra il Comune di Quinto e un cittadino c'è una fattura di 50 franchi. È il contributo che il Municipio aveva chiesto a ciascun proprietario d'immobile per la posa dei cartelli indicanti i numeri civici. Per soli 50 franchi, una battaglia a suon di ricorsi che ora vede una nuova puntata. Con sentenza del 26 settembre pubblicata oggi il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) dà ragione al cittadino annullando la precedente decisione del Consiglio di Stato. Per il prelievo della tassa non è infatti sufficiente l'ordinanza introdotta dal Comune leventinese, che dovrà quindi dotarsi della necessaria base legale "quantomeno facendo in modo che vengano fissati in un regolamento gli elementi essenziali e la delega all'esecutivo della competenza di fissare l'esatto importo". Da noi contattato il sindaco di Quinto Valerio Jelmini afferma che il Municipio non si opporrà alla decisione del TRAM.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    Territorio

    «Bellinzona, anche la sponda sinistra merita attenzione»

    Il gruppo PPD chiede al Municipio di replicare tra la cima di Medeglia e il pizzo di Claro, passando per la valle Morobbia, il successo nella valorizzazione della montagna di sponda destra col suo ponte tibetano - L’idea è quella di ispirarsi all’esperienza dell’Ente autonomo Carasc istituendo un ente analogo

  • 2
    DOPO LA SENTENZA

    Dalla sventata strage alla ricerca dell’amor proprio

    Il giovane condannato per quello che sarebbe stato un massacro oggi verrà riportato nel foyer romando - Tutti auspicano che possa tornare il ragazzo sorridente di prima - Il giudice Mauro Ermani: «Gli auguro di ritrovare la serenità»

  • 3
    Case anziani

    «La verità sui decessi sia motore per una riforma»

    Emozioni e molte domande nella serata sulle 21 morti di Sementina – Il dibattito organizzato dall’MPS è stato anche l’occasione per sottolineare la necessità di ripensare l’intero sistema: rilanciata l’ipotesi di un ente di gestione a livello cantonale - LE FOTO

  • 4
    Sentenza

    «Stava preparando un massacro»: 7 anni e mezzo di carcere sospesi per il giovane

    L’ex allievo è stato ritenuto colpevole di atti preparatori punibili di assassinio plurimo - Non finirà dietro le sbarre ma potrà proseguire il trattamento terapeutico iniziato in un foyer romando - Il giudice Mauro Ermani: «Fino al giorno dell’arresto era convinto di entrare in azione» - La difesa rinuncia a ricorrere

  • 5
  • 1