Bellinzona, il travertino fa già cilecca?

Piccole fessure nella pavimentazione interna della stazione FFS inaugurata un anno e mezzo fa

Bellinzona, il travertino fa già cilecca?

Bellinzona, il travertino fa già cilecca?

BELLINZONA - Piccole buche, alcune crepe, lievi fessure. La pavimentazione dell'atrio e del sottopasso della stazione FFS di Bellinzona inaugurata nell'ottobre del 2016 qua e là sembra già fare cilecca. Quanto segnalato da un lettore del CdT trova conferma facendo un sopralluogo. Abbiamo chiesto alle FFS se sono a conoscenza del (parziale) deterioramento del materiale scelto, quel travertino romano che aveva fatto discutere per la sua provenienza (italiana), quando la nostra regione è ricca di pietra naturale. «Le FFS tengono costantemente sotto controllo lo stato della pavimentazione», risponde il portavoce dell'azienda Patrick Walser. Le FFS hanno concluso una sorta di contratto di manutenzione per eseguire eventuali stucchi, riparazioni e levigature del travertino.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    Bellinzona

    «Piazza del Sole va rivalorizzata»

    Si anima il dibattito dopo il nostro articolo: il consigliere comunale Alessandro Lucchini invita il Municipio ad indire un nuovo concorso di idee per l’agorà cittadina

  • 2
    nuovo stabilimento

    «Vogliamo fortemente le Officine a Castione»

    Nostra intervista alla direttrice della Regione Sud delle Ferrovie Roberta Cattaneo che esclude la presenza di un piano B e rassicura gli operai sulla fase di transizione dall’attuale al futuro sito produttivo

  • 3
  • 4
    Officine FFS

    Referendum, più no che sì?

    Nuovo stabilimento industriale a Castione: l’Unione contadini ticinesi ha ricevuto chiare rassicurazioni dal Governo e dalle Ferrovie e potrebbe anche rinunciare alla raccolta firme - La decisione definitiva verrà comunque presa solo dopo il voto del Parlamento

  • 5
    Bellinzona

    All’asta il centro Al Castello

    Il complesso commerciale in crisi da anni e al centro di una vertenza all’incanto il prossimo mese di maggio: la base è 30 milioni di franchi