Bellinzona, occhiatacce alla videosorveglianza

Il Regolamento appena allestito dal Municipio è già criticato dalla Lega: "Scarsa trasparenza"

Bellinzona, occhiatacce alla videosorveglianza

Bellinzona, occhiatacce alla videosorveglianza

BELLINZONA - Bellinzona si dota del nuovo Regolamento per la videosorveglianza «aggregata». Scopo principale, come si legge nel messaggio municipale trasmesso al Legislativo, è la prevenzione della microcriminalità. Tra le novità ci sarà la possibilità di utilizzare videocamere mobili come a Lugano, Mendrisio e Chiasso. Gli apparecchi già in funzione sul territorio della nuova Città sono 42. Intanto però sono subito arrivate le critiche della sezione leghista, secondo cui il Municipio ha agito in maniera poco trasparente. Sarebbe stato meglio, spiega un comunicato, prima far approvare il nuovo Regolamento e solo in seguito procedere con l'operatività. Invece, secondo la Lega, la Città «ha sistemato e attivato videocamere un po' ovunque». E lo ha fatto benché non sia ancora stata creata la Commissione comunale della protezione dei dati, che secondo l'articolo 3 del regolamento deve essere sentita prima dell'installazione di nuove videocamere. Ricordiamo a tal proposito che rispondendo a un'interpellanza di Lelia Guscio l'Esecutivo aveva spiegato che la precedente base legale 'non impedisce al Municipio di predisporre modalità di videosorveglianza diverse e/o potenziate rispetto al passato'.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    INTERPELLANZA

    Assistenza, «Giornico è il Bengodi?»

    Il consigliere comunale indipendente Donatello Poggi torna a chiedere lumi al Municipio sui casi e sulla linea adottata dall’autorità sul tema: «La percentuale si aggira attorno al 10%, non è un buon indicatore»

  • 2
    BELLINZONA

    C’è Easyvote all’ombra dei castelli

    La Città aderisce al progetto volto a promuovere l’esercizio del diritto di voto dei giovani iscritti nel catalogo elettorale - Si partirà con le elezioni federali di ottobre

  • 3
    ROVEREDO

    «La sicurezza è assolutamente garantita»

    Dopo l’incidente mortale del 12 marzo 2017 nella galleria di San Fedele sono stati posati dei dispositivi luminosi al centro della carreggiata nonostante le norme non lo prevedessero

  • 4
  • 5
    LEVENTINA

    «Speriamo che il lupo se ne sia andato»

    Il predatore che ha colpito ad inizio agosto in Val Canaria potrebbe essersi spostato di pochi chilometri, nel canton Uri, dove sono state uccise due pecore

  • 1