Buzza di Biasca, inerti indigesti

Due deputati delle valli interrogano il Governo sulla prevista nuova discarica: "Quale impatto su popolazione e fauna?"

Buzza di Biasca, inerti indigesti

Buzza di Biasca, inerti indigesti

BELLINZONA - Si intensifica l'offensiva contro la discarica di inerti provenienti dall'edilizia prevista dal Cantone alla Buzza di Biasca, già sede del deposito di materiale AlpTransit e di altre attività analoghe negli scorsi anni. Dopo l'interpellanza presentata negli scorsi giorni al Patriziato di Biasca da Fabrizio Totti, e memori della petizione del gruppo "Loderio c'è" firmata da 1.740 persone contrarie a nuovi sacrifici ambientali a nord del borgo, i deputati Gina La Mantia e Franco Celio interrogano il Governo. Chiedono come pensa di limitare l'impatto sulla popolazione, quale sarà il traffico di camion generato dalla discarica e se non c'è preoccupazione per l'impatto naturalistico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    RICORRENZA UNESCO

    Ritorno al futuro per i castelli: la storia incontra la tecnologia

    Il sindaco di Bellinzona Mario Branda svela alcuni dei contenuti del progetto di valorizzazione della fortezza medievale - Verrà meglio messa in risalto la murata, parchi gioco tematici per i bambini, allestimenti moderni: «Abbiamo un patrimonio unico nel suo genere in tutto l’arco alpino»

  • 2
    Il programma

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 3
    Territorio

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 4
  • 5
  • 1