Cadenazzo, ricorso contro le luci rosse

Una decina di confinanti del progetto per una casa di appuntamenti ha ufficialmente contestato la licenza edilizia

Cadenazzo, ricorso contro le luci rosse

Cadenazzo, ricorso contro le luci rosse

BELLINZONA - Con quasi due settimane d'anticipo rispetto alla scadenza fissata al 7 marzo, è partito venerdì il ricorso al Consiglio di Stato, firmato da una decina di cittadini confinanti, contro la licenza edilizia concessa di recente dal Municipio di Cadenazzo per la costruzione di una casa d'appuntamenti nella zona industriale-artigianale del paese. Come ampiamente annunciato, il ricorso è quindi stato ufficializzato. Secondo i ricorrenti l'area deve essere destinata ad attività poco moleste, e ritengono che la prostituzione non faccia parte di questa categoria. Del progetto si parla da anni. La prima domanda di costruzione era stata presentata esattamente quattro anni fa, nel febbraio del 2014.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    Storie

    «La musica è tutto, sto vivendo un sogno»

    Il giovane Michel Steyaert di Claro ha scritto, composto e poi pubblicato quattro brani su Youtube - «All’inizio lasciavo tutto a metà, poi ho imparato ad apprezzare ciò che produco e adesso spero di migliorare ancora»

  • 2
  • 3
  • 4
    Petizione

    Il rammarico di Claro: «Mancanza di rispetto per la nostra storia»

    Si raccolgono firme per chiedere al Municipio di Bellinzona il ripristino del mosaico in pietra che richiamava l’anno di costruzione della casa comunale - La rimozione è avvenuta nell’ambito dei lavori per la creazione dell’accesso ai portatori di andicap allo sportello di quartiere e postale - Sull’intervento ci sono anche una mozione e un’interpellanza

  • 5
    PROGETTO

    La «cittadella della giustizia» nel cuore della capitale

    Bellinzona: il Pretorio di viale Stefano Franscini verrà ristrutturato ed ampliato grazie ad un investimento di una cinquantina di milioni di franchi - Il cantiere si concluderà nell’autunno 2025 - Il futuro complesso ed il Tribunale penale federale saranno «uniti» da una piazza pubblica

  • 1