Processo

Carcere a vita per la mente, 16 anni per il braccio

Pronunciata la sentenza per il delitto di Monte Carasso - I due imputati riconosciuti colpevoli di assassinio

 Carcere a vita per la mente, 16 anni per il braccio
(foto Reguzzi)

Carcere a vita per la mente, 16 anni per il braccio

(foto Reguzzi)

MONTE CARASSO - Carcere a vita per la mente; 16 anni al braccio. Questa la sentenza emessa dalla Corte delle Assise criminali al termine del processo per il delitto di Monte Carasso che vedeva alla sbarra il 49.enne autore materiale dell’assassinio della sua ex moglie la sera del 19 luglio 2016 e la sua attuale consorte, la 39.enne di nazionalità russa, che lo ha spinto a compiere il turpe gesto. Sarebbe potuto essere il delitto perfetto se il 49.enne non si fosse costituito due anni più tardi confessando di aver ucciso la moglie e poi di aver inscenato un suicidio per depistare gli inquirenti. Il tutto per non dover più versare alla donna i 3.000 franchi mensili di alimenti che venivano trattenuti dallo stipendio del 49.enne. Rammentiamo che la procuratrice pubblica Chiara Borelli aveva chiesto il carcere a vita per la 39.enne 14 anni per il 49.enne. Il difensore di quest’ultimo, l’avvocato Pietro Croce, aveva chiesto una pena non superiore ai 7 anni, mentre gli avvocati Yasar Ravi e Luisa Polli, patrocinatori della 39.enne, si erano invece battuti per l’assoluzione della donna.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    AMBRÌ

    E ora la Valascia diventa pure un Lego

    Affinché il mito della storica pista dell’HCAP non tramonti, ecco l’idea di due amici: realizzare grazie a 90.000 mattoncini l’attuale arena biancoblù - Intanto un altro modellino è andato letteralmente a ruba fra tifosi e collezionisti

  • 2
  • 3
  • 4
    BELLINZONA

    Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

    Durerà tre giorni il dibattimento di fronte alla Corte delle Assise criminali a carico del 37.enne accusato di assassinio per aver spinto dal balcone la compagna il 3 luglio 2017 - Lui però respinge ogni addebito e sostiene la tesi del suicidio

  • 5
    PROCESSO

    Quel pugno e il movente misterioso

    Dibattimento bis di fronte alla Corte di appello per due fratelli condannati nell’aprile 2018 a pena sospesa per aver picchiato un trentenne in una discoteca del Bellinzonese - Gli imputati negano di aver sferrato un cazzotto alla vittima

  • 1