Casa Marta compie un altro passo verso il traguardo

Centro di prima accoglienza

Via libera al diritto di superficie con il quale la Città di Bellinzona cede alla Fondazione gli stabili ex Ostini

 Casa Marta compie un altro passo verso il traguardo
L’investimento per la ristrutturazione dei malandati stabili ex ostini ammonta a 4,5 milioni di franchi. ©CdT/Chiara Zocchetti

Casa Marta compie un altro passo verso il traguardo

L’investimento per la ristrutturazione dei malandati stabili ex ostini ammonta a 4,5 milioni di franchi. ©CdT/Chiara Zocchetti

Per il fatidico primo colpo di piccone ce ne vorranno altri, ma il progetto di Casa Marta ha compiuto un importante passo avanti. La scorsa settimana è stato infatti sottoscritto l’atto notarile relativo al diritto di superficie con il quale la Città cede per un periodo di 50 anni alla Fondazione Casa Marta gli stabili ex Ostini in via Guisan a Bellinzona che verranno ristrutturati per diventare un centro di prima accoglienza destinato a persone che, a causa di motivi diversi, si trovano in difficoltà ed in particolare senza un alloggio e rete sociale. La firma del documento che insieme alla licenza edilizia, rilasciata nel 2017 e nel frattempo rinnovata, dà finalmente luce verde all’iter per la ristrutturazione dei fatiscenti edifici siti nei pressi della sede principale di BancaStato è avvenuta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1