Coinvolgere i giovani per ripensare il carnevale

Bellinzona

Considerata anche la situazione sanitaria, Rabadan e progetto per la gioventù «The Social Truck» hanno avviato una collaborazione sperimentale per creare una rinnovata cultura dell’evento tramite varie iniziative con i ragazzi

Coinvolgere i giovani per ripensare il carnevale
©CdT/Chiara Zocchetti

Coinvolgere i giovani per ripensare il carnevale

©CdT/Chiara Zocchetti

Il regno di Rabadan vuole avvicinarsi ai giovani in maniera costruttiva. È stata infatti avviata negli scorsi giorni la collaborazione del carnevale di Bellinzona, il più ampio in Ticino e terzo per importanza nazionale, con The Social Truck, un progetto della Cooperativa Baobab. L’idea è nata su sollecitazione dei giovani i quali, frequentando attivamente The Social Truck, hanno manifestato il desiderio di creare qualcosa in ambito carnascialesco, spiegano i responsabili. Questa collaborazione si costruirà grazie a momenti di incontro e di riflessione tra i membri di comitato della Società Rabadan e un gruppo di adolescenti di età compresa tra i 14 e i 18 anni. «Lo scopo è quello di permettere ai giovani di portare la loro visione proponendo idee, iniziative e progetti, promuovendo una rigenerata visione del mondo del carnevale, conoscendone quindi anche i retroscena organizzativi come le risorse, le attività, le criticità».

Sguardo agli under 18
La collaborazione si inserisce in un quadro più ampio di iniziative che la Società Rabadan afferma di voler avviare per mantenere viva la cultura del carnevale in un anno di transizione, vista la situazione sanitaria delicata. «Il tema della cultura del carnevale – sottolineano i promotori della collaborazione - è un elemento centrale della strategia della Società Rabadan, soprattutto per quanto concerne la categoria dei giovani, in particolare gli under 18». Il progetto, del tutto sperimentale e unico nel suo genere visto che non risultano progetti simili a livello svizzero, permetterà ai ragazzi e alle ragazze di The Social Truck di mettersi alla prova prendendo parte ad un tipo di esperienza che vuole lasciare il segno generando un cambiamento, scommettendo sulla possibilità di creare e generare visioni condivise tra generazioni.

Sensibilizzazione
The Social Truck è nato con l’obiettivo di far emergere, grazie a nuove forme di percorsi animativi ed educativi, dinamiche trasformative che coinvolgano i giovani in azioni concrete. Si rivolge agli adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 18 anni (indipendentemente dalla loro provenienza culturale e sociale) coinvolgendoli in progetti nati e realizzati da loro, con il sostegno degli operatori che promuovono a loro volta le competenze dei ragazzi. The Social Truck realizza i progetti in sinergia con organizzazioni che credono nella creazione di una nuova visione della società attiva sul piano culturale. Attraverso questa nuova esperienza gli adolescenti avranno modo di lavorare su aspetti legati alla cittadinanza favorendo la sensibilizzazione.

©Keystone/Ti-Press
©Keystone/Ti-Press
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Ritorno al futuro per i castelli: la storia incontra la tecnologia

    RICORRENZA UNESCO

    Il sindaco di Bellinzona Mario Branda svela alcuni dei contenuti del progetto di valorizzazione della fortezza medievale - Verrà meglio messa in risalto la murata, parchi gioco tematici per i bambini, allestimenti moderni: «Abbiamo un patrimonio unico nel suo genere in tutto l’arco alpino»

  • 3

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Il programma

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 4

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Territorio

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 5
  • 1
  • 1