Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza

Bellinzona

I servizi autoambulanza del Bellinzonese e valli non riscontrano particolari difficoltà a trovare il luogo dell’intervento per via della toponomastica in vernacolo: «Gli operatori conoscono infatti il territorio nel quale agiscono, poi molto spesso tutto si risolve grazie ad un preciso punto di riferimento»

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza
© Croce Verde Bellinzona

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza

© Croce Verde Bellinzona

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza
© CdT/Archivio

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza

© CdT/Archivio

Diciamolo subito: sono pochi, ma ci sono. Stiamo parlando dei Comuni del Bellinzonese e delle Tre valli che hanno vie e piazze in dialetto. Molto spesso si tratta di nomi legati agli antichi toponimi. Ma non è questo che ci interessa approfondire oggi, anche se lo spunto è interessante. Piuttosto, dando seguito alla segnalazione di un lettore, desideriamo puntare i riflettori sulle possibili difficoltà che incontrano i servizi autoambulanza quando sono chiamati ad intervenire in un paese dove lo stradario è riportato in vernacolo. È successo, nelle scorse settimane, in un villaggio, come ci ha raccontato il nostro interlocutore. Fortunatamente tutto si è risolto per il meglio: la persona è stata soccorsa e le sono state prestate le cure del caso.

I casi di Claro e Monte Carasso

«La toponomastica fa un po’ ‘famiglia’, però è anche ‘esclusiva’. A mio avviso va considerato pure l’aspetto sociale, senza nulla togliere allo spirito di appartenenza della nostra comunità», rileva il lettore che ha contattato la redazione. Abbiamo quindi girato la questione ai due principali enti di pronto intervento della regione. La premessa è d’obbligo: i soccorritori conoscono il territorio sul quale sono chiamati a fornire il loro prezioso contributo. Non a caso è questa la prima dichiarazione dell’operatrice della Croce Verde di Bellinzona che abbiamo interpellato negli scorsi giorni: «Sono facilitati dal fatto che abitano, appunto, dove lavorano. Poi chiaramente è fondamentale l’esperienza maturata sul campo, ciò che giocoforza i nuovi sanitari non possono avere. Nel distretto di Bellinzona, alla fine, solo Claro e Monte Carasso (con qualche eccezione in altri Comuni; n.d.r.) hanno i nomi delle strade in dialetto».

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza

Quella via Cantonale...

Delle difficoltà, in particolare a Claro, in passato ve ne sono state, ci assicura la nostra interlocutrice. Degli inghippi che tuttavia sono «indipendenti dal nome in dialetto. Pensi, infatti, che in un’occasione i nostri operatori hanno faticato parecchio a trovare il mappale giusto dove dovevano intervenire in una via Cantonale. Molto spesso, poi, basta indicare oltre alla strada anche un punto di riferimento: ‘vicino alla scuola’, ‘accanto alla Posta’, eccetera. Senza dimenticare l’utilizzo del navigatore». I nostri operatori, ci dicono da Tre Valli Soccorso, conoscono la zona in quanto sono domiciliati nel comprensorio. Per il resto «ci viene smistata la chiamata ricevuta dalla Centrale operativa 144. Subito interveniamo nel luogo indicato».

Da evitare le forme «miste»

La denominazione delle vie è compito dei Comuni, mentre da parte loro i Cantoni disciplinano «le competenze e le procedure», si legge sul sito Internet del Sistema catastale elvetico. Stando alle raccomandazioni concernenti l’indirizzo degli edifici e l’ortografia dei nomi delle vie, «le forme dialettali storicamente rilevanti vanno conservate». Sono per contro da evitare i nomi di vie composte, ad esempio la prima parte in italiano e la seconda in dialetto.

Come districarsi fra le vie in dialetto in caso di urgenza
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Via i fili elettrici dal nucleo del paese

    Iragna

    L’intervento sarà realizzato nell’ambito del progetto di riqualifica urbanistica che il Municipio di Riviera ha deciso di ampliare con un ulteriore investimento di oltre 800.000 franchi.

  • 3

    «Giù le mani dal nostro futuro»

    Bellinzona

    La mobilitazione per il clima nella capitale tra slogan, cartelloni e mascherine - La nuova generazione fa sentire la sua voce - Presenti circa 500-600 persone secondo gli organizzatori - FOTO e VIDEO

  • 4

    «Occhio agli autogol in piazza Governo»

    Bellinzona

    La minoranza della Commissione del Piano regolatore boccia la zona d’incontro proposta dal Municipio al voto lunedì prossimo - «Commercianti ed esercenti penalizzati dalla diminuzione dei parcheggi e viabilità del centro peggiorata anziché migliorata» secondo i rappresentanti del gruppo Lega-UDC

  • 5

    La Valbianca ora può fare anche l’oste

    IL CASO

    Ecco la sentenza molto attesa in alta Leventina: la società di proprietà dei Comuni di Airolo e Quinto sorride - Respinto il ricorso contro l’appalto da oltre 10 milioni di franchi per il servizio di vitto ed alloggio per gli operai impegnati nella realizzazione della seconda canna della galleria autostradale del San Gottardo - Poco probabile il ricorso a Losanna

  • 1
  • 1