Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

BELLINZONA

Dopo oltre due mesi è stato liberato lo strigide curato da uno studio veterinario e dalla Società protezione animali cittadina nel rifugio di Gorduno-Gnosca - Che rende attenti: «I rapaci notturni faticano a sopravvivere a causa della continua erosione del loro habitat»

Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

Era stato trovato ancora pulcino e con un’ala spezzata di netto. Portato al centro di cura per animali selvatici della Società protezione animali di Bellinzona (SPAB) è stato operato dal veterinario Jonathan Pedretti che, mediante l’introduzione di un chiodo chirurgico, ha potuto fissare nella giusta posizione l’arto. Dopo oltre due mesi di convalescenza presso lo studio medico Keller e Pedretti e nelle speciali voliere del centro della SPAB a Gorduno, lo strigide Corbaro è diventato adulto e nel contempo ha potuto recuperare completamente l’utilizzo dell’ala.

Liberato negli scorsi giorni, Corbaro è volato nel bosco sovrastante Bellinzona da dove inizierà una nuova vita da vero rapace notturno. Per la SPAB, che dispone dell’unico centro di cura per tutti gli animali selvatici autoctoni in Ticino, è motivo d’orgoglio poter ridare la libertà a questo strigide che come molti altri rapaci notturni «faticano a sopravvivere a causa della continua erosione dei loro habitat».

Corbaro è tornato a volare sulla Turrita
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1