Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»

L’APPELLO

Alcuni cittadini di Arbedo-Castione hanno scritto al Municipio auspicando un «intervento deciso e urgente a protezione dei cittadini», considerando che il postribolo presente sul territorio comunale è frequentato anche da cittadini provenienti dal nord Italia

Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»
© CdT/Putzu

Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»

© CdT/Putzu

Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»
© CdT/Archivio

Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»

© CdT/Archivio

«Un intervento deciso e urgente s’impone a protezione dei cittadini di Arbedo-Castione». Alcuni abitanti del Comune bellinzonese hanno scritto oggi pomeriggio al Municipio, con copia all’Associazione per il miglioramento ambientale del quartiere (AMICA), allarmati dal proliferare del coronavirus nel nord Italia e considerando che dei cittadini lombardi si recano nel locale a luci rosse presente a Castione, a nord dell’abitato. «È risaputo che lo stesso postribolo è frequentato in modo assiduo da cittadini che provengono dall’Italia, paese molto colpito da questo virus», si legge nella missiva. Si chiede pertanto all’Esecutivo «come intende agire», soprattutto alla luce del fatto che il primo caso in Svizzera è stato registrato in Ticino: un settantenne che il 15 febbraio aveva partecipato ad un evento nei dintorni di Milano, come appena reso noto dall’Ufficio federale della sanità pubblica.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Il Consiglio comunale di Bellinzona torna a casa

    La convocazione

    La seduta del 30 giugno si terrà non più in palestra a Sementina ma di nuovo a Palazzo civico: mascherina obbligatoria, porte chiuse e trasmissione audio dei lavori sul sito della Città - Capigruppo convocati oggi per evitare nuovi problemi procedurali in aula, e l’MPS storce il naso

  • 2
  • 3
  • 4

    Bellinzona e la tripletta di tasse sui rifiuti

    Finanze

    La Città ha emesso solo in questi giorni le fatture per il 2019, presto arriveranno anche quelle per 2020 e 2021 - Amministrazioni in difficoltà perché nel frattempo alcuni inquilini hanno traslocato - Il segretario: «Il ritardo è conseguenza soprattutto del lungo lavoro di unificazione delle banche dati degli ex Comuni»

  • 5
  • 1
  • 1