Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

ROVEREDO

Gli organizzatori dei bagordi bassomesolcinesi prima di eventualmente annullare l’edizione 2021 a causa della pandemia intendono discuterne con i preposti uffici cantonali e con la Regione Moesa - Il summit decisivo è in programma in ottobre

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
Re Brenno Martignoni Polti e la regina-moglie Stefania salutano i sudditi durante il corteo mascherato. © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

Re Brenno Martignoni Polti e la regina-moglie Stefania salutano i sudditi durante il corteo mascherato. © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
Un serpentone di colori lungo le vie del paese. © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

Un serpentone di colori lungo le vie del paese. © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
In maschera! © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

In maschera! © CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
© CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

© CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
© CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

© CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi
© CdT/Archivio

Coronavirus, la Lingera scende dal carro dei carnevali ticinesi

© CdT/Archivio

La Lingera scende dal carro e si smarca dai «cugini» ticinesi. Il carnevale di Roveredo deciderà autonomamente se organizzare o meno l’edizione 2021 e, in caso di risposta affermativa, in che forma e con quali modalità nel rispetto delle disposizioni emanate dalle autorità per arginare la diffusione del coronavirus. Lo ha deciso negli scorsi giorni il comitato, come ci ha spiegato ieri il presidente Simone Giudicetti. Il perché è presto detto: pur se le norme di Berna valgono chiaramente per tutti, il Cantone è un altro. E quindi gli organizzatori dell’evento principale della valle devono discuterne con Coira e con la Regione Moesa. Ciò che avverrà nel mese di ottobre, stando a quanto ci risulta, in un incontro a porte chiuse che si terrà nella capitale retica con i preposti uffici.

Le incognite...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Alan Del Don
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Ecco l’infopoint turistico alla stazione

    PROGETTI

    Biasca, nell’ambito del risanamento dell’infrastruttura ferroviaria nel Borgo si è conclusa la fase che prevedeva il trasloco degli spazi da Casa Pellanda - Ciò a beneficio dei visitatori della regione

  • 3

    Sotto i platani accanto al politico ginnasta

    Perle nascoste di Bellinzona

    La piazza dedicata all’ex consigliere di Stato Rinaldo Simen ha cambiato nome ben tre volte: prima si chiamava piazza Grande e poi piazza della Posta - Alla fine dell’Ottocento vi transitavano le carrozze e persino la diligenza del San Gottardo

  • 4

    La bassa Leventina crede sempre nel sogno

    FERROVIE

    Nuove Officine: i Comuni di Bodio, Giornico e Personico e quello di Biasca nonché la Commissione regionale dei trasporti hanno scritto all’Ufficio federale dei trasporti ed al Consiglio federale - Per loro la soluzione ideale per ospitare il moderno sito produttivo è e rimane l’ex Monteforno

  • 5

    Riecco la giornata in memoria di «Augu»

    Monte Carasso

    Dopo un anno di stop a causa della pandemia, il 29 agosto torna l’evento dedicato al DJ bellinzonese prematuramente scomparso otto anni fa - Torneo di calcio per i bambini, grigliata e ovviamente musica, sempre all’insegna della beneficenza

  • 1
  • 1