Disordini alla Valascia, condannati in tre

Sentenza

Confermato il reato di sommossa per due ultrà dell’HCAP e uno del Losanna: hanno partecipato attivamente alla violenza collettiva - Prosciolto invece un quarto supporter confederato

 Disordini alla Valascia, condannati in tre
© CdT/Gabriele Putzu

Disordini alla Valascia, condannati in tre

© CdT/Gabriele Putzu

Due ultrà dell’Ambrì-Piotta e uno del Losanna sono stati condannati oggi a Lugano per i disordini scoppiati il 14 gennaio 2018 alla Valascia a margine dell’incontro di hockey tra le due formazioni. Per i tre, a processo nella giornata di ieri, la giudice Francesca Verda Chiocchetti ha confermato il reato di sommossa. Ognuno alla propria maniera ha insomma partecipato attivamente alle violenze collettive, o con lancio di oggetti e torce o con l’uso di una cintura nei confronti degli avversari e della polizia, o ancora incitando gli amici ad attaccare la tifoseria ospite. E questo nonostante il riconoscimento che siano stati proprio i romandi ad attaccare per primi, e che il dispositivo di sicurezza si sia dimostrato insufficiente. Secondo la giudice non vi era però la necessità impellente che i leventinesi intervenissero per difendere la pista o le famiglie presenti come ha sostenuto almeno un imputato. Anzi: col loro agire hanno solo tolto ulteriore forza alla polizia presente sul posto.

Per i tre condannati la pena è pecuniaria: per i due ticinesi sospesa con la condizionale per due anni; per il vodese da pagare come sanzione aggiuntiva in considerazione di una recente condanna oltre San Gottardo per fatti analoghi. Prosciolto invece un terzo fan biancoblù: la Corte delle Assise correzionali ha ritenuto che lo svizzero tedesco non sia stato al centro dei disordini.

I difensori avevano chiesto ieri il proscioglimento dalla maggior parte delle accuse, in primis quella di sommossa. Da parte sua il procuratore pubblico Nicola Respini, ricordiamo, aveva chiesto la conferma delle pene detentive sospese per tre e pecuniaria (sempre con la condizionale) per un quarto imputato. Per i disordini del 14 gennaio 2018 il titolare dell’inchiesta ha emesso complessivamente 39 decreti d’accusa, molti dei quali impugnati alcuni nuovamente giudicati in Pretura penale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Rustici, si punta sull’affitto

    Valle di Blenio

    Un marchio dedicato, una piattaforma online rinnovata, un kit di benvenuto e un contributo finanziario fino a 2.000 franchi per convincere i proprietari ad aderire al progetto lanciato dall’OTR e all’Ente regionale di sviluppo con l’obiettivo di incrementare l’offerta di posti letto

  • 2
  • 3

    Le sigarette dovranno rimanere spente nei parchi giochi

    IL CASO

    Bellinzona, via libera del Consiglio comunale al divieto con l’obiettivo di tutelare la salute dei bambini e dare un segnale forte nella prevenzione del tabagismo - Si potrà invece continuare a fumare alle fermate dei bus

  • 4

    Che casino: ma alla fine è tutto OK

    ISTITUZIONI

    Bellinzona, il Legislativo approva i consuntivi 2020 dei cinque enti autonomi comunali nonostante i dubbi della destra e del Movimento per il socialismo - L’ex sindaco Brenno Martignoni Polti: «Mettiamo a disposizione gli spazi dei musei agli artisti indipendenti» - Giuseppe Sergi: «Siamo contrari ai contratti di prestazione» - E su Carasc il capogruppo leghista Luca Madonna, dopo essere intervenuto, è invitato a lasciare la sala

  • 5

    Diventare apprendista per la Città di Bellinzona

    Formazione

    Sono una settantina i giovani che stanno imparando una professione nell’Amministrazione comunale della capitale: sabato 2 ottobre un pomeriggio in cui si potranno scoprire le varie possibilità e informarsi

  • 1
  • 1