Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città

IL CASO

Vertenza IRB: una volta che l’Istituto di ricerca in biomedicina si sarà trasferito nella nuova sede all’ex campo militare (inaugurazione prevista il 27 novembre prossimo), Bellinzona non dovrà più scucire un franco per nessun canone di locazione

Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città

Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città

Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città

Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città

La Città ha finora pagato l’affitto dell’immobile di via Murate, occupato da una quindicina d’anni dall’Istituto di ricerca in biomedicina. Ma quando l’IRB lascerà gli spazi per trasferirsi nella nuova sede all’ex campo militare (l’inaugurazione è prevista il 27 novembre prossimo), allora Bellinzona non dovrà più scucire un franco per nessun canone di locazione. Lo puntualizza al CdT il sindaco Mario Branda dopo la nostra anticipazione odierna in cui vi abbiamo riferito della vertenza in corso fra il proprietario dello stabile e la Fondazione per l’IRB. In pratica, ricordiamo, il cittadino ritiene che la scadenza del contratto (sottoscritto per la prima volta nel luglio 2006 per un affitto annuale di 220.000 franchi) sia fissata per il 31 marzo 2027.

Di tutt’altro avviso l’Istituto, secondo il quale il termine corretto è il 31 marzo 2022, ossia cinque anni prima. L’IRB ha tempo sino a fine mese per inoltrare le proprie osservazioni alla Pretura civile cittadina, in risposta alla petizione promossa dal proprietario del complesso. Per sapere come andrà a finire questa vicenda bisogna dunque aspettare almeno ancora qualche settimana.

Dopo il trasloco niente più soldi dalla Città
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1